Consigli su come gestire dei genitori anziani

L'invecchiamento può essere spaventoso. Gli anziani spesso temono l'ignoto, compresa la perdita di indipendenza e i potenziali effetti a lungo termine di gravi condizioni mediche. Questa paura potrebbe essere il motivo per cui molti anziani sono restii a cercare aiuto e talvolta sono persino reticenti su eventuali nuovi sintomi che sperimentano.

Guardare i tuoi genitori prendere decisioni pericolose può essere angosciante. Per molti bambini adulti, il passaggio dall'affidamento al caregiver provoca una crisi di identità. Navigare su questo terreno roccioso non è mai facile. Dovrai tenere sotto controllo le tue emozioni in modo da poter aiutare i tuoi genitori a gestire i loro bisogni, sia fisici che emotivi.

Quando c'è un disaccordo tra gli anziani e i loro figli adulti, vecchi conflitti familiari e ruoli obsoleti possono alzare le loro brutte teste. Potresti ritrovarti a tornare al comportamento che avevi mostrato l'ultima volta da adolescente, provando risentimento con i tuoi genitori per quello che percepisci come un modello di vecchia data di decisioni sbagliate o pensiero malsano. Le controversie che apparentemente riguardano l'assistenza a lungo termine o il trasloco spesso riguardano questioni molto più profonde. I seguenti suggerimenti possono aiutarti a gestire i conflitti in un modo che sia di supporto piuttosto che invadente.

Ecco cosa ne pensano alcuni esperti di una nota agenzia di assistenza domiciliare anziani a Bologna.

13 consigli su come gestire i tuoi genitori anziani e testardi

1. Sii persistente.

La pazienza e la perseveranza contribuiscono notevolmente a rendere le conversazioni produttive. Non entrare con l'aspettativa che tutto dovrebbe essere risolto in una sola seduta. Probabilmente dovrai esporre le tue preoccupazioni ai tuoi genitori numerose volte, quindi sii paziente. Bombardare l'anziano che ami con troppe informazioni in una singola conversazione può innescare inutilmente la sua paura di perdere il controllo. E se la persona amata ha la demenza o un deterioramento cognitivo, potrebbe non essere in grado di assorbire troppe informazioni contemporaneamente.

2. Evita le lotte di potere: scegli le tue battaglie.

Non spingere, brontolare o arringare i tuoi genitori. Dare ultimatum non farà altro che alzare le spalle, e urlare, litigare, sbattere le porte e così via potrebbe danneggiare seriamente la relazione. Invece, potenzia la persona amata rendendola parte di ogni processo decisionale. Convalida le loro emozioni e mostra loro che apprezzi le loro opinioni.

3. Sii sensibile.

Anche le critiche e il giudizio possono mettere i tuoi genitori sulla difensiva. Dire senza mezzi termini a mamma e papà che non sanno come gestire la propria vita non li conquisterà. Invece, attieniti alle affermazioni "io", come "Mi sento preoccupato perché sembra che tu stia perdendo peso e sono preoccupato che tu non stia mangiando abbastanza".

4. Sappi che il tempismo è tutto.

Le conversazioni produttive non avvengono mai quando tutti si sentono stressati o esausti. Assicurati di scegliere di avere conversazioni stimolanti nei giorni in cui i tuoi genitori si sentono rilassati piuttosto che depressi o ansiosi. Questo vale anche per te: evita di parlare quando ti senti particolarmente stressato perché la tua ansia non farà che aumentare la loro paura.

5. Stai calmo.

Ad un certo livello, i tuoi genitori potrebbero essere consapevoli che stanno affrontando alcune nuove sfide, quindi evitare discussioni sul loro futuro potrebbe sembrare loro più sicuro che ammettere la realtà. Esprimere le tue preoccupazioni con calma e parlare con amore e tenerezza può aiutare a rassicurarli che il cambiamento andrà bene.

6. Cerca un aiuto esterno — per te stesso.

Essere sereni e tranquillizzanti potrebbe non essere facile se ti senti spaventato, impotente e frustrato. Se questo è il caso, per favore devia parte della tua energia di caregiving a te stesso e ottieni un supporto esterno, che si tratti di un gruppo di meditazione, un consulente o un gruppo di supporto.

7. Trascorri più tempo con loro.

Anche se potresti non avere molto tempo in più a disposizione, prova a passarne un po' di più con i tuoi genitori (cioè, se la relazione non è fonte di conflitto). Man mano che i tuoi genitori invecchiano, probabilmente apprezzeranno un po' più di attenzione. Le tue interazioni potrebbero persino diventare più armoniose se sanno che stai dando priorità alla relazione invece di comprimerla in un programma frenetico.

8. Fai domande.

Invece di parlare con i tuoi genitori, parla con loro coinvolgendoli nella conversazione. Inizia facendo domande a risposta aperta (ad esempio, perché non vuoi che tua cugina Mary venga a prepararti i pasti?). Nel migliore dei casi, questo approccio può consentire loro di riflettere sulla loro situazione e concludere che un cambiamento è davvero necessario.

9. Trova delle soluzioni.

Concentrati sull'affrontare le preoccupazioni dei tuoi genitori piuttosto che dire loro cosa fare. Impegnati a fare le tue ricerche e, se non hai una risposta, non inventarne una. L'obiettivo qui è coltivare la fiducia e favorire uno spirito di reciproco sostegno e cooperazione.

10. Concentrati sui vantaggi.

Concentrati sempre sui vantaggi della soluzione proposta. Ad esempio, se ritieni che la vita assistita sia la risposta, sottolinea la varietà di attività sociali e ricreative che queste comunità offrono.

11. Porta altri fratelli.

Ricorda, il caregiving è una grande responsabilità, che non dovresti assumerti da solo. Se hai altri fratelli, chiedi loro di parlare con mamma e papà. Assicurati solo di vedere d'accordo le questioni importanti.

12. Chiedi il sostegno degli amici.

Considera di programmare una riunione di famiglia che includa un amico intimo o un vicino. A volte può essere più facile ascoltare la verità da qualcuno al di fuori della famiglia.

13. Parla con il loro medico.

Se tutto il resto fallisce, contatta il medico dei tuoi genitori e fai sapere loro della tua preoccupazione per il benessere tuo e loro. Alla fine, un medico potrebbe essere l'unica persona a cui i tuoi genitori daranno ascolto.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi