Il trauma da trasferimento nei giovani

Un trasferimento porta con sé grandi cambiamenti alle proprie abitudini e se per alcuni le novità possono essere vitali, per altri possono essere vissute come veri e propri traumi.

Tra queste persone, spesso, ci sono i giovani, sia i bambini che  i ragazzi. Quando prendiamo in considerazione l’idea di trasferirci in un’altra città, quindi, è assolutamente opportuno cercare di capire come i nostri figli vivranno lo spostamento per poter fare una razionale analisi dei costi-benefici e capire se davvero è conveniente per la nostra famiglia.

Perché per i giovani il trasferimento è così traumatico? 

I cambiamenti, anche se percepiti in modo positivo, implicano comunque uno sforzo di adattamento e la sensazione continua di dover cominciare tutto da capo, anche le cose più semplici come i nomi delle vie della città. 

Nelle persone più abitudinarie, come i bambini che hanno una reale necessità di orari fissi, confini e paletti per crescere sani e tranquilli, questo può essere scioccante. I ragazzi invece stanno costruendo la loro personalità e hanno un bisogno enorme di socializzazione, quindi la scuola e le attività extrascolastiche dove poter incontrare gli amici di sempre sono un punto fermo percepito come assolutamente necessario per loro. Le abitudini diverse, il senso dell’umorismo e le regole sociali del nuovo luogo saranno diverse, soprattutto quando si lascia un paesino per la grande città, come può essere l’esempio di traslochi a Firenze, Roma o a Milano questo per loro può essere destabilizzante.

La scuola inoltre può essere un vero problema dal momento che possono cambiare il metodo di insegnamento, i testi scolastici e il livello medio di istruzione.

Come possiamo aiutarli?

Queste difficoltà sono accresciute dal fatto che i giovani di casa spesso non capiscono perché il trasferimento sia così necessario. Le ragioni economiche e lavorative dei loro genitori possono apparirgli come un pretesto e non come un reale bisogno per la famiglia. La difficoltà dei ragazzi, inoltre, può essere ingigantita dal fatto che i genitori, così assorbiti dall’organizzazione del trasloco, possono non essere presenti per occuparsi delle loro paure e della loro inevitabile tristezza.

La prima cosa da fare, quindi, è far partecipare fin dall’inizio i nostri figli alle decisioni. E’ ovvio che le loro ragioni e i loro bisogni potrebbero passare in secondo luogo davanti alle necessità della famiglia nel suo insieme, ma così non si sentiranno comunque messi da parte penseranno che la decisione finale è frutto anche del loro contributo. 

Questa può essere davvero un’occasione eccezionale per contribuire alla loro crescita come adulti responsabili.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi