Il primo passo per un trasloco senza sorprese: il sopralluogo

In vista di un trasloco, il sopralluogo è un momento molto importante ma troppo spesso sottovalutato. Si tratta di una fase che non riguarda unicamente le ditte, ma coinvolte qualsiasi tipo di trasloco, sia che esso riguardi un magazzino, sia che esso coinvolga un ufficio o un’abitazione. La pianificazione è un aspetto di fondamentale importanza per evitare situazioni stressanti o preoccupazioni, e per questo conviene contattare in anticipo la ditta a cui ci si vuole rivolgere. Una ditta seria ha tutto l’interesse a eseguire un sopralluogo, dal momento che esso permette di stilare un preventivo completo e accurato sulla base delle informazioni che sono state ricavate.

A che cosa serve il sopralluogo

È grazie al sopralluogo che ogni dettaglio può essere verificato con la massima attenzione, dall’organizzazione alla logistica: ed è così che potranno essere definiti i costi. L’importante, come si è detto, è non ridursi all’ultimo minuto per non essere costretti a far tutto di corsa; bisogna, invece, muoversi per tempo, sia per un trasloco da un appartamento a un altro, sia per lo spostamento di un magazzino o di un ambiente di lavoro. Ma qual è il periodo migliore in cui il trasloco può e deve essere effettuato? Parecchie aziende preferiscono procedere nel week-end, in modo tale che i cicli produttivi non vengano interrotti.

Si può traslocare nel fine settimana?

Nella maggior parte dei casi le aziende di traslochi sono disponibili ad assecondare questa necessità, e così vanno incontro alle richieste delle aziende che non si possono permettere una sospensione o un blocco dei lavori nel corso della settimana. Insomma, meno la produzione viene intralciata e meglio è per tutti. Dopo che i lavoratori sono stati informati, sarà possibile procedere con il sopralluogo sia degli ambienti da cui si deve traslocare che degli ambienti di destinazione. Insomma, c’è bisogno di una meticolosa ispezione tanto nella sede nuova quanto in quella vecchia.

Sopralluogo: come affrontarlo al meglio

Nel corso del sopralluogo possono essere presi accordi col cliente a proposito di vari aspetti pratici, come per esempio gli imballaggi che dovranno essere usati per proteggere i mobili e gli oggetti. Non è detto che tutti gli imballaggi siano affidati alla ditta, in quanto il committente potrebbe decidere di occuparsi di alcuni di essi in prima persona. Se il lavoro viene delegato ad altri, inoltre, è necessario spiegare quando e in che modo gli oggetti dovranno essere imballati. Come si vede, è durante il sopralluogo che si possono reperire e fornire tutte le informazioni che occorrono per rendere comodo il lavoro che dovrà essere svolto. Chi si occupa del trasloco, d’altro canto, ha l’opportunità di sapere con chi sarà necessario interfacciarsi.

Quanto è utile una pianificazione anticipata

Anche lo smontaggio e il rimontaggio del materiale elettronico e dei macchinari sono a carico delle ditte a cui viene affidato un trasloco. Ecco un’altra ragione per la quale deve essere compiuto un sopralluogo preventivo: c’è bisogno di stabilire con un certo anticipo quali saranno i professionisti chiamati a operare nell’ambito della squadra di lavoro (artigiani, tecnici, e così via). Un trasloco in molte occasioni può richiedere il coinvolgimento di un gran numero di professionisti, ognuno dei quali a seconda delle proprie capacità fornisce un apporto più che significativo. Nel caso in cui sia necessaria la movimentazione di materiale tecnologico o postazioni di lavoro, per esempio, c’è bisogno di operatori tecnici che siano capaci di maneggiare i collegamenti e i cavi elettrici.

I traslochi di Cavanna

Per un trasloco in Lombardia è consigliabile fare riferimento a Cavanna, una delle migliori aziende per traslochi uffici a milano e provincia. Si tratta di una ditta storica, per un’attività che in realtà ha visto la luce a Genova: un contesto non proprio agevole per chi si occupa di traslochi, a causa della conformazione dei carruggi e della superficie ristretta di molte vie. Se poi si tiene conto di quanto sia ripida la salite della Ruta, che porta a Rapallo e al Tigullio, è facile capire come l’esperienza accumulata negli anni liguri sia servita davvero tanto una volta che l’attività è stata spostata a Milano, dove ancora oggi Cavanna è un marchio sinonimo di alta professionalità e affidabilità.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi