Una rivoluzione in cucina: l’impastatrice planetaria

L'impastatrice planetaria: quanti di noi ne hanno una in casa? Si tratta di un valido aiuto in cucina, di cui molte donne si servono per realizzare dolci e torte salate. Un tempo un bene di lusso per pochissime donne fortunate (a causa del loro prezzo proibitivo), oggi le impastatrici planetarie rappresentano un bene di uso comune, che ogni famiglia (anche quelle con budget ristretto) possono permettersi. Se quasi tutti ne hanno una in casa, sono in molti, però, a non conoscere la sua storia, una storia che inizia nel secolo scorso, nel pieno della rivoluzione industriale.

La storia dell'impastatrice

Siamo nel 1900: le prime impastatrici industriali compaiono negli Stati Uniti in questi anni, proprio nel settore industriale, per la realizzazione di impasti per dolci. Nel 1931 avviene la prima trasformazione dell'impastatrice in oggetto di uso comune: è priprio in questo anno, infatti, che l'impastatrice viene introdotta nel settore alimentare, specialmente quello relativo alla produzione di pane e prodotti dolciari su larga scala. A partire da quell'anno l'impastatrice planetaria è andata via via specializzandosi in vari modelli, fino a raggiungere l'ambito casalingo con prototipi più ridotti di dimensione e più adatti ad essere utilizzati in casa dalla gente qualunque.

L'intuizione di Herbert Johnston

Se tutti noi abbiamo un'impastatrice planetaria in casa lo dobbiamo a un signore americano, tale Herbert Johnston: fu proprio lui che, vedendo un panettiere impastare il pane a mano, progettò la prima impastatrice nel 1919, creando l'H5. Il successo fu immediato e strepitoso, e l'impastatrice divenne un must in ogni cucina americana. Già, ma perchè si chiama 'impastatrice planetaria'? La caratteristica principale delle impastatrici planetarie è, appunto, il movimento planetario (da cui prende il nome). ovvero un movimento che ricorda quello effettuato dai pianeti intorno al sole.

L'arrivo dell'impastatrice in Italia

Se negli Stati Uniti l'impastatrice è oggetto di uso comune fin dal secondo dopoguerra, in Italia l'impastatrice ha fatto il suo esordio in ambito domestico nei primi anni 2000, diffondendosi rapidamente anche grazie ad alcuni programmi televisivi culinari dove veniva impiegata. E' proprio grazie al boom dei programmi di cucina che imperavano su ogni rete nei primi anni 2000 (e che imperano ancora oggi), che l'impastatrice è diventata un bene sempre più richiesto dalle casalinghe italiane.

Come è fatta un'impastatrice planetaria?

Ogni impastatrice planetaria che si rispetti è costituita da tre accessori principali: una frusta, che serve a montare, una paletta per mescolare i composti di densità media (come le farce) e un gancio per impastare i composti più elaborati (e dunque più densi). Questa macchina è dotata di un braccio meccanico che ruota con un movimento che ricorda proprio quello di un pianeta intorno al Sole. Dunque, questo braccio fa girare su se stesso l’accessorio che stiamo utilizzando, che può essere la frusta, la paletta o il gancio, e contemporaneamente lo fa ruotare al centro del recipiente.

I vari modelli di impastatrice

Ad oggi esistono vari modelli di impastatrice planetaria: una lista è disponibile su www.migliorimpastatrice.it. Praticamente tutte le grandi marche di elettrodomestici mondiali hanno in produzione un'impastatrice planetaria. Si va da modelli economici e basici, come le impastatrici prodotte da Claltronic e Ariete e che si aggirano intorno ai 100 euro di prezzo in negozio, a veri e propri prodigi tecnologici, come nei modelli di impastatrice prodotti da Smeg e KitchenAid, che possono arrivare anche ai 500 euro di prezzo. E' sempre meglio informarsi prima sul modello che si vuole, sulle caratteristiche tecniche e di produzione: in alcuni casi alcune impastatrici hanno anche funzioni di robot da cucina, un aspetto che ne aumenta la produttività, ma anche il prezzo.

Insomma, oggi l'impastatrice planetaria è un oggetto diffuso in ogni cucina del mondo: scegliere quella più adatta alle nostre esigenze non è facile. Una rapida consulta su ww.migliorimpastatrice.it può essere utile per schiarirsi le idee, e scegliere il nostro nuovo aiuto in cucina. Sicuramente l'impastatrice planetaria è arrivata per restare: le casalinghe di ogni parte del mondo non ne possono più fare a meno!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi