Pulizia e svuotamento delle fosse biologiche: come e quando procedere

Chi vive in aree di campagna o comunque in zone che non prevedono il collegamento alla rete fognaria principale, deve preoccuparsi di procedere alla pulizia e allo svuotamento della fossa biologica. Ma ogni quanto deve essere svolta questa operazione? E come va effettuata? Di seguito si riporta un breve post con le principali informazioni a riguardo.

 

La pulizia della fossa biologica: come va fatta

La fossa biologica è una vasca all'interno della quale vengono raccolte le acque nere e quelle grigie, ossia le acque di scarto provenienti rispettivamente dalla toilette e dai lavabi e lavandini. All'interno della fossa biologica, ossia nella vasca di raccolta, avviene un processo di decomposizione dei rifiuti organici tale che le parti più pesanti di tali rifiuti andranno ad accumularsi sul fondo mentre quelle più leggere potranno defluire attraverso il tubo di uscita della fossa. Per un corretto funzionamento di questa procedura di decomposizione è necessario che la fossa sia pulita e, soprattutto, non superi il limite massimo di accumulo delle acque e dei rifiuti organici pesanti.

Le operazioni di pulizia non sono semplici e necessitano dell'utilizzo di materiali specifici: per questo motivo è fondamentale rivolgersi ad aziende specializzate nel settore come Autospurgo La Spurghi che offre il servizio spurghi a Bergamo e in tutta la provincia nonché nelle città e province di Milano, Como, Varese, Lodi e Monza Brianza. Inoltre propone un'assistena e pronto intervento attivo 24 ore al giorno per assicurare, in ogni momento, la possibilità di procedere allo svuotamento della fossa biologica. L'azienda propone un servizio di pulizia della fossa realizzato con macchinari di ultima generazione, in grado di assicurare una procedura rapida e completa che permetterà di eliminare tutti i materiali di scarto accumulati e incrostati sulle pareti e sul fondo della vasca.

 

Con che frequenza va pulita la fossa biologica?

Una delle domande più frequenti che viene posta da quanti dispongono della fossa biologica riguarda la frequenza di pulizia. Naturalmente, questa domanda non ha una risposta univoca perché molto dipende dalle dimensioni della fossa e dall'utilizzo che ne viene fatto. Un altro importante aspetto da considerare è la cura con cui viene trattata: l'utilizzo di materiali di scarico non idonei, di detersivi troppo aggressivi o di oggetti che possono portare ad intasare la fossa rappresentano ulteriori parametri da prendere in considerazione quando si pensa alla frequenza di pulizia.

In linea di massima, per una fossa che venga ben manutenuta, Autospurgo La Spurghi suggerisce un intervento di pulizia annuale. In tal modo si potrà evitare un riempimento eccessivo della vasca e, allo stesso tempo, si abbasserà la possibilità di otturazione o di solidificazione dei residui, con conseguente insorgere di problematiche legate al corretto scorrimento dei liquidi. Inoltre, va sottolineato che una permanenza prolungata di materiali organici di scarto all'interno della fossa potrebbe attirare topi e altri animali infestanti.

Negli ultimi anni, per cercare di ridurre la frequenza degli interventi di spurgo, sono stati ideati alcuni prodotti che portano ad incrementare l'attività batterica normalmente presente all'interno delle fosse, in modo da aumentarne la capacità di smaltire i materiali organici che vi si depositano. Queste soluzioni sono particolarmente adatte in caso di fossa che viene utilizzata molto spesso e che, pertanto, potrebbe necessitare di interventi più frequenti rispetto a quello annuale. Tuttavia, non possono completamente sostituire lo svuotamento classico, da realizzare seguendo procedure ben precise per garantire non solo l'eliminazione dei depositi, ma anche la corretta conservazione della fossa stessa e del suo equilibrio batterico.

 

Per concludere

Le modalità e la frequenza di pulizia di una fossa biologica possono essere diverse a seconda delle dimensioni e soprattutto delle condizioni in cui riversa la fossa biologica. Bisogna tuttavia sempre ricordare che si tratta in entrambi i casi di interventi di particolare precisione e delicatezza che andrebbero effettuati esclusivamente da personale qualificato e con strumenti e macchinari specifici per questo tipo di operazioni.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi