Pulizia di un pozzo artesiano

I pozzi artesiani dei nostri giardini hanno bisogno di essere sottoposti a una specifica manutenzione: a mano a mano che il tempo passa, infatti, essi devono essere puliti. Si tratta, in particolare, di rimuovere tutto lo sporco e tutta la melma che inevitabilmente si sono depositati negli anni, sia sulle pareti che sul fondo. Per capire se è arrivato il momento di pulire il pozzo non c’è bisogno di chissà quali trucchi: esso, infatti, inizia a generare un odore fastidioso, mentre l’acqua che si preleva è caratterizzata da uno scarso grado di limpidezza.

I servizi di Carrare Spurghi

Per conoscere il costo ripristino pozzo e usufruire di servizi di alta qualità in questo ambito ci si può affidare alla professionalità e alla competenza del team di Carrare Spurghi, una realtà che da oltre tre decenni è un punto di riferimento per la risoluzione di qualunque tipo di problema fognario o idrico. Disponibile a intervenire 7 giorni su 7 e 24 ore su 24, lo staff di Carrare Spurghi si fa apprezzare non solo per la rapidità dei suoi servizi, ma anche per l’efficienza che viene garantita in ogni circostanza.

Come si pulisce il pozzo

La pulizia del pozzo non è un compito semplice, ma soprattutto richiede un bel po’ di tempo: fatica e pazienza sono inevitabili per procedere, senza dimenticare che servono prodotti e strumenti ad hoc. Il lavoro è complesso, ed è questo il motivo per il quale è sempre meglio rivolgersi a un’azienda specializzata e fare affidamento sulla professionalità di un team di tecnici qualificati.

Che cosa serve

Per pulire il pozzo artesiano c’è bisogno di una elettropompa e di un tubo in gomma che sia in grado di arrivare fino in fondo al pozzo. È necessario montare il tubo con attenzione collegandolo con l’attacco a gomito dell’elettropompa. È sempre meglio utilizzare una fascetta per fissare il tubo: ciò garantisce standard di sicurezza più elevati e permette di lavorare in tranquillità. Può essere utile anche adoperare un giravite che sarà necessario per stringere. Una volta individuato il posto ideale in cui l’acqua dovrà essere fatta confluire, sarà necessario fissare il tubo per evitare che si possa spostare per effetto della notevole pressione a cui lavora l’elettropompa.

Il lavoro dell’elettropompa

L’elettropompa deve essere collocata sul fondo del pozzo. In ogni caso, conviene sempre leggere con cura tutte le indicazioni che sono riportate sul libretto delle istruzioni per capire come procedere. Non tutti i modelli, infatti, devono essere appoggiati sul fondo: ce ne sono alcuni che garantiscono prestazioni ottimali se vengono lasciati a distanza di alcuni metri. A questo punto si può cominciare, mettendo la spina nella presa della corrente: l’acqua sporca comincerà a uscire da sola dal pozzo. I modelli di elettropompa di ultima generazione, per altro, sono comodi da maneggiare perché smettono di funzionare non appena finisce l’acqua che è necessario aspirare.

E se l’elettropompa non basta?

Con il lavoro che viene svolto dall’elettropompa si ha la possibilità di rimuovere l’acqua sporca che era presente sul fondo, insieme con tutti i residui di melma, di acqua e di terra. Tuttavia, non sempre basta utilizzare l’elettropompa per poter considerare concluso il lavoro di pulizia del pozzo artesiano. Può accadere, infatti, che la sporcizia e la melma si siano incrostate anche sulle pareti o in altri punti del pozzo. In questo caso, non si può fare a meno di utilizzare dei mezzi meccanici o con dei prodotti chimici; una terza soluzione alternativa è rappresentata dal ricorso ad aria e acqua ad alta pressione. Sul mercato si possono trovare vari prodotti chimici pensati apposta per la pulizia di questi pozzi; in ogni caso è sempre fondamentale leggere con cura le istruzioni per non correre il rischio di provocare danni al pozzo, o addirittura alla propria salute.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi