Crescita dell’economia austriaca grazie al supporto della Germania

Buone notizie ci giungono dall’Austria per quel che riguarda l’economia.

Secondo l’Istituto di ricerca economica di Vienna (Wifo) nel secondo trimestre dell’anno attuale, l’economia austriaca è cresciuta dello 0,9%.

Si tratta di un risultato più che positivo, visto e considerato che la crisi internazionale ha colpito altresì lo stato austriaco da due anni a questa parte.

Sicuramente molti si chiederanno se a questo punto la crisi è completamente passata, in realtà bisogna adottare ancora per qualche tempo cautela e prudenza, come spiega l’esperto del Wifo, Marcus Scheiblecker.

Il successo dell’Austria

Il risultato positivo non è stato raggiunto dagli investimenti come molti potrebbero erroneamente pensare, poiché risultano ancora fermi, ma dalle esportazioni.

Infatti è stato appurato che l’export ha registrato un incremento pari al 2,2%, tuttavia è doveroso precisare che un buon contributo è stato dato in larga parte dalla Germania: se la Germania cresce, anche l’Austria avverte gli effetti positivi.

Tra aprile e giugno la crescita è stata del 2,2%, gli esperti sono concordi che la percentuale potrebbe ancora salire toccando addirittura il 3%.

Il successo di tale crescita in Germania, è dovuto anche all’export.

Ovviamente tali dati bisogna prenderli con le pinze, perché si potrebbe trattare di eventi occasionali e non ripetibili.

C’è chi sostiene che tale successo di quest’ultimo trimestre dipenda dal fatto che diversi settori sono stati completamente fermi durante i mesi invernali e molti investimenti sono stati slittati in primavera come nel caso del settore edilizio.

Tuttavia, al di là della motivazione, molti esperti restano ugualmente positivi perché la crescita dell’esportazione non è soltanto dovuta grazie alla spinta della Germania, ma a quanto pare anche il mercato cinese non è da meno.

 

Un altro aspetto che è stato messo in evidenza dall’Istituto di ricerca Wifo è la crescita del PIL che non sempre corrisponde ad un incremento del tasso di occupazione.

Nel 2019, il tasso di disoccupazione in Austria è stato del 4,5%, un dato leggermente inferiore rispetto all’anno precedente.

Il Paese austriaco, dunque, si conferma con il minor numero di disoccupati in proporzione alla popolazione, questo significa in altri termini che, i settori sono stati messi in moto e di conseguenza aumenta altresì la capacità di consumo da parte della popolazione austriaca.

Ecco i principali motivi che spingono molte aziende ad investire in Austria

Da come si può facilmente intuire, l’economia austriaca si rivela piuttosto fiorente.

Non sono poche le aziende estere che investono le proprie risorse in Austria, questo perché le opportunità per fare business sono alte, oltre al fatto che grazie al portale investinaustria.at, queste aziende ricevono un supporto continuo e vengono aiutate proprio nella fase delicata che riguarda tutta la parte burocratica.

In principal modo ciò che spinge la maggior parte degli imprenditori a investire in Austria sono le agevolazioni e la bassa pressione fiscale.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi