L’importanza degli hospice per i malati inguaribili in italia

In Italia i malati inguaribili possono avere accesso grazie alla sanità nazionale all’assistenza in strutture di accoglienza, quando non è  possibile essere aiutati dai programmi di assistenza domiciliare di tipo integrato o specialistico. Si tratta degli hospice, delle strutture socio-sanitarie che hanno l’aspetto di un accogliente residenze con spazi dedicati ai malati e alle loro famiglie e che nascono con l’obiettivo di offrire sostegno e supporto in questa delicata e tragica fase della malattia inguaribile. In pratica i pazienti trovano sostegno in una apposita struttura in zona Bonola a Milano grazie ad un team di specialisti e medici preparati ad affrontare le fasi terminali della malattia. In questo tipo di strutture sia i malati che le famiglie possono usufruire del supporto delle equipe mediche sulla gestione dei sintomi e della qualità della vita nel rispetto della dignità del malato e dei suoi parenti.

 

Un team di esperti per sostenere malati e famiglie

Il percorso di assistenza previsto dagli hospice ricopre un ruolo fondamentale per il Servizio Sanitario Nazionale e, difatti, queste strutture sono dislocate su tutto il territorio italiano. Basta fare una semplice ricerca online per cercare la struttura più vicina e attivare le procedure di assistenza. Scegliere di affrontare la malattia terminale con il supporto degli hospice non è una decisione di arrendevolezza, semmai tutto il contrario. Significa affidarsi a specialisti qualificati e preparati a sostenere il paziente e la sua famiglia nel momento più difficile della malattia, ovvero il percorso di accompagnamento verso il fine vita.

 

Un’indagine che spiega l’effetto positivo degli hospice

 

Sul Journal of Clinical Oncology, infatti, è stato pubblicato uno studio a campione realizzato con la collaborazione di  familiari di pazienti malati di tumori e ne è emerso che la scelta di affidarsi a questo tipo di strutture ha migliorato sensibilmente il sollievo dei sintomi e la qualità del fine vita. La ricerca ha fatto emergere proprio i punti di forza dell’hospice, un luogo in cui ci si prende cura del paziente non dal punto di vista medico della guarigione, ma quasi esclusivamente rispetto alla qualità della vita che gli resta. Quindi negli hospice non si tenta affannosamente di guarire una malattia irreversibile dando false speranze, ma si aiutano le persone a gestire questo momento così duro e drammatico sia per i pazienti che per i loro cari.

I risultati dello studio condotto hanno fatto emergere come il punto di forza degli hospice sia la spiccata competenza nella gestione del sintomo del dolore e dell’affanno oltre alla qualità eccellente riscontrata dai familiari nel ricevere supporto per il loro stato d’animo. Ne è emerso che maggiore è stato il tempo di permanenza e migliori sono stati i pareri espressi dagli intervistati.

 

Il diritto alla dignità

Quindi affidarsi da un hospice significa gestire qualsiasi evenienza con la consapevolezza e la preparazione di staff medici attenti ai desideri e alle aspettative degli assistiti ma, in particolare, nel rispetto della loro dignità. Il semplice fatto di esser consapevoli della propria condizione di malati è già di per sé uno scoglio molto complesso da gestire e che richiede un’adeguata preparazione. La fortuna di poter contare su queste strutture è immensa e per questo tutti dovremmo sostenere queste strutture con una donazione, ricordandoci che ogni malato ha il diritto a godere della dignità di essere umano.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi