Come agire per migliorare l’immagine di un brand

L’immagine di un brand è il risultato di tutte quelle attività che contribuiscono a creare un’opinione pubblica da parte di clienti e persone che vi entrano in contatto. Molto spesso questa viene influenzata da una semplice esperienza personale, positiva o negativa che sia.

Altre volte i competitor contribuiscono in modo più o meno decisivo a deviare le scelte d’acquisto mentre, molte altre, sono i consumatori che dopo essersi fatta un’idea precisa non cambieranno mai brand. In tutti questi casi è necessario attivare campagne e miglioramenti sull’immagine, sulla reputazione del brand.

Per farlo occorre agire su più ambiti attraverso la definizione di precisi obiettivi da raggiungere mediante una strategia. In questo breve focus vedremo come si fa… in teoria.

Come di valutano le strategie per curare l’immagine di un brand?

I fronti di cui parliamo qualche riga più su sono almeno tre. Il primo riguarda la percezione dell’utente dopo che è entrato in contatto con il brand e, quindi, l’analisi del suo comportamento e la sua opinione a riguardo.

Sono tantissime le aziende che chiedono direttamente o indirettamente alle persone di esprimere il loro parere attraverso voti, risposte aperte o feedback di qualsiasi genere.

Se questo processo avviene online, assieme a tutta una serie di strumenti di monitoraggio dei media dei media sarà possibile strutturare una comunicazione efficace da mantenere sul sito web, sui social e su qualsiasi altro media.

Monitorare il presente per pianificare il futuro

Questo significa che non si deve tener conto solamente delle attività compiute su guida del brand ma anche di quelle spontanee che spesso danno vita a trend, tendenze e notizie.

In quest’ottica seguire l’andamento dei media e intercettare nel pubblico l’utenza più vicina ai principi del brand è al tempo stesso uno strumento di monitoraggio e di creazione delle strategie future.

Gli strumenti di analisi, infatti, aiutano a fare ciò che una persona o un team di persone non potrebbero fare: controllare continuamente cosa accade nel mondo e di cosa si parla online. Tali strumenti aiutano a fare piani futuri e, quindi, ad arginare anche il rischio di crisi d’immagine.

Prevenzione e reputazione

Molto spesso certi “flame” possono essere prevenuti, così come l’arrivo di guai finanziari o legati al personale. Questo non significa prevedere il futuro ma prevenire le conseguenze che qualcosa possa andare storto.

La gestione dell’immagine di un brand passa attraverso tantissime attività che spaziano dalla scelta dei colori di una newsletter al modo in cui questo si rivolge ai clienti attraverso i propri collaboratori.

La scelta del centralino o della chat WhatsApp è essa stessa una scelta strategica in linea con la reputazione del brand e dei valori che le persone percepiscono osservando come si pone sul mercato.

Senza monitorare attentamente anche il contesto esterno non è possibile formulare strategie. Se non si tiene conto anche di ciò che pensano i media che, lo ricordiamo, influenzano e sono influenzati dall’opinione pubblica, la strategia di crescita non potrà certamente avere coerenza e valore sul mercato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi