Vera sovranità democratica:la lunga marcia che ci attende

Vera sovranità democratica:la lunga marcia che ci attende

Notizie

Un valido difensore della valle di Susa aggredita dalla Torino-Lione, colossale spreco di denaro pubblico, ben peggio del mitico Ponte sullo Stretto. E un nemico giurato della “casta”, quella che vive – anche – di finanziamento pubblico a quei partiti che non hanno voluto cambiare la legge elettorale tenendosi l’orrido “Porcellum”, per poter comodamente imbottire il Parlamento di “nominati” di stretta fiducia, inclusi indagati e pregiudicati. Questo in sostanza il profilo politico iniziale del “Movimento 5 Stelle”, che si è via via evoluto – durante la campagna elettorale, di piazza in piazza – per voce del leader, sempre più incline a puntare sul “reddito minimo di cittadinanza” per tenere in piedi un’Italia sul punto di crollare. Elementi di decrescita e riconversione ecologica dell’economia, certo. E poi: scuola pubblica e sanità pubblica, investimento culturale, Internet veloce e gratuito per tutti. Con che soldi? Forse si comincia a capirlo solo ora, dopo le elezioni.

Illuminante la sintesi che “Ernesto”, ipotetico militante grillino, espone sul blog del Capo mentre Bersani balbetta le sue otto “non-proposte”, così vaghe e deboli che sembrano scritte apposta per incassare un rifiuto irridente dal “Movimento 5 Stelle”. Sul blog di Grillo, è impietoso il “decalogo” che inchioda Pd e Pdl: entrambi vogliono la linea Tav Torino-Lione e le “missioni di pace” per continuare a esportare la guerra nel mondo. Entrambe le maggiori coalizioni sono a favore delle iperboliche spese militari necessarie all’acquisto dei cacciabombardieri F-35, gli “stealth” di ultima generazione attrezzati per sganciare ordigni atomici. Nonostante le pallide promesse di Bersani, Pd e Pdl non accennano a rinunciare alla cornucopia dei rimborsi elettorali, né a sostenere la scuola privata, né a restaurare le prerogative dell’articolo 18 smantellato da Monti e Fornero su ordine della tecnocrazia europea al servizio delle massime lobby economiche del pianeta, nemiche irriducibili della “democrazia dei diritti“, quella che ha il potere di trasformare i sudditi in Milano1cittadini.

Meglio si spiega, il giorno dopo, l’ecatombe elettorale del Pd, umiliato sul traguardo persino dall’incredibile Berlusconi: in materia di Europa, diritti e lavoro, il centrosinistra non è andato oltre i mormorii di Stefano Fassina, il malpancismo di Vendola e gli allarmi della Cgil. Il toro da affrontare per le corna? Lo evoca sempre “Ernesto”, il 6 marzo 2013: Mes, Fiscal Compact, pareggio di bilancio, sovranità monetaria. Poteva essere l’arma letale del cartello democratico “Cambiare si può”, naufragato grazie al magistrale ostruzionismo suicida di “Rivoluzione Civile”. Sovranità finanziaria, unica possibile premessa per un ritorno alla democrazia reale, la famosa “autodeterminazione dei popoli” – compreso quello del Venezuela, che oggi piange la scomparsa di Hugo Chávez, l’uomo che per garantire pane e diritti alla sua gente oppressa ha innanzitutto nazionalizzato il petrolio e le banche.

Per anni, un solitario come Paolo Barnard – esiliato dalla Rai – ha predicato nel deserto, proponendo i dettami neo-Paolo-Barnard-71keynesiani della teoria della moneta moderna sviluppata da Warren Mosler: solo la sovranità finanziaria garantisce la resurrezione di un’economia e quindi di un intero sistema sociale, e può offrire benefici immediati e inimmaginabili. Oggi, Barnard fa una denuncia amara: molti ex detrattori, fino a ieri estranei alla “Modern Money Theory”, negli ultimi mesi hanno fatto a gara per “rubargli” scampoli di idee, senza però mai citare né lui, né Mosler, né il gruppo di economisti democratici, per lo più statunitensi, che lavora da tempo per un’alternativa economica partendo proprio dal problema cruciale della sovranità finanziaria – il potere statale di spesa pubblica – da innescare “liberando” innanzitutto la moneta.

In campagna elettorale, Grillo ha promesso un referendum sull’euro, la valuta che ormai gli italiani temono e detestano. E ora, sul suo blog, si mettono a fuoco gli obiettivi contro cui battersi: la sostanziale “schiavitù finanziaria” indotta dal Mes, cioè l’insidioso fondo “salva-Stati” che in realtà vincola in eterno i paesi “beneficiati”, nel frattempo tenuti a violentare alla radice la propria Costituzione democratica, garante dei diritti, per piegarla all’orrore del “pareggio di bilancio”, in ossequio all’abominevole Fiscal Compact, di fatto tagliando il welfare, l’assistenza e tutte le misure sociali che in Europa hanno garantito decenni di pace, sicurezza e conquiste, grazie alle lotte progressiste di sindacati, lavoratori, partiti di sinistra e società civile. Mentre in Italia l’indignazione generale era totalmente assorbita da proteste locali – prima contro la partitocrazia corrotta di Tangentopoli, poi contro la “casta” dei nuovi privilegi e di nuovi scandali – negli uffici di Bruxelles, dominati dalla potenza mondiale delle lobby, maturava in silenzio lo scandalo supremo: la confisca sostanziale della democrazia, per mano “tecnica”.

Senza lo “tsunami” Grillo, oggi il problema non avrebbe la minima cittadinanza mediatica: saremmo ancora intrattenuti da bonari smacchiatori, giaguari e caimani, perfetti per oscurare ancora la verità e sovrastare le grida di dolore che salgono dalle fabbriche che chiudono una dopo l’altra, dai giovani che fuggono, dagli imprenditori che si sparano. Poteva finir peggio? Eccome: in Grecia, i camerati di “Alba Dorata” danno la caccia agli stranieri. Isolate voci europee, specie anglosassoni, plaudono alla democrazia elettorale italiana che, se non altro, dà segni di vita. Ma il tempo vola, e la crisi – insistono analisti come Giulietto Chiesa – ci sta venendo addosso, come previsto, alla velocità della luce. La casta delle auto blu? Andiamo al sodo, raccomanda l’economista italo-danese Bruno Amoroso: questi partiti sono stati tutti meticolosamente “infiltrati”, decenni fa, dalla finanza-canaglia, che li ha semplicemente comprati. Politici “licenziabili” in una sola tornata elettorale? Attenzione: sono soltanto fanterie, soldati semplici, camerieri e maggiordomi. Non rappresentano che la vetta dell’iceberg, il poco che si vede, mentre i veri dominatori restano lontani e inafferrabili, saldamente al riparo di un infinito potere di ricatto domiciliato tra Wall Street e Bruxelles, la City di Londra e l’Eurotower di Francoforte.

 –Dario-Fo1Le piazze grilline straripanti di popolo parlano la stessa lingua dell’anziano Dario Fo: comprensibile sollievo, innanzitutto, di fronte alla sensazione che finalmente si sia aperto qualcosa che assomiglia a uno spiraglio, dopo decenni di consumismo cieco e autolesionistico, dogmi bugiardi come quello della crescita infinita che, in un mondo dalle risorse non illimitate, fa rima con la tragica realtà della “guerra infinita”. Spirale inaugurata su scala mondiale con l’11 Settembre e drammaticamente anticipata dalla “macelleria messicana” di Genova, la città presidiata da 700 agenti dell’Fbi per ordine di un super-potere terrorizzato dal movimento internazionale no-global, il primo nella storia a rivendicare diritti democratici per tutta l’umanità. A partire dagli anni ’70, accusa Barnard, è stato pianificato l’accecamento dell’opinione pubblica partendo dalla colonizzazione militare dei media e delle università. Partiti e sindacati un tempo schierati dalla parte dei diritti? Tutti reclutati per la “guerra invisibile” contro i loro popoli, da imbrigliare e distrarre per scongiurare l’esplosione della protesta. Oggi, è la crisi a far saltare i piani. Gli ottimisti salutano le elezioni italiane come l’inizio di una possibile lunga marcia. A cui manca, ancora, una narrazione inequivocabile e pienamente condivisa: se non è definitivamente chiaro il motivo per cui stiamo precipitando, come sperare di trovare una via d’uscita credibile?

 

 

(Giorgio Cattaneo, “La lunga marcia che ci attende”, da “Megachip” del 7 marzo 2013).

 http://www.libreidee.org/2013/03/vera-sovranita-democratica-la-lunga-marcia-che-ci-attende/

Se vuoi approfondire questo argomento segui il link: Vera sovranità democratica:la lunga marcia che ci attende

Argomenti trattati: 832 | Lotta al signoraggio bancario: lo strapotere di banca e finanza nella vita reale.
Altre informazioni inerenti Vera sovranità democratica:la lunga marcia che ci attende:

http://signoraggio.it/index.php?option=com_ijoomla_rss&act=xml&sec=1&feedtype=RSS2.0
Notizie

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi