Vapore acqueo su Cerere, gli scienziati: “forse c’è vita sul mega asteroide”

Le analisi ad infrarossi di un telescopio spaziale confermano che il vapore acqueo è in aumento dalla superficie di Ceres (Cerere), e che la scoperta potrà aggiungere ulteriore interesse verso un mondo strano, conosciuto come un grande asteroide ma anche come il più piccolo pianeta nano. Nel 2015 la navicella spaziale…

Vapore acqueo su Cerere, gli scienziati: “forse c’è vita sul mega asteroide”

missione NASA Dawn su Cerere Ceres
Le analisi ad infrarossi di un telescopio spaziale confermano che il vapore acqueo è in aumento dalla superficie di Ceres (Cerere), e che la scoperta potrà aggiungere ulteriore interesse verso un mondo strano, conosciuto come un grande asteroide ma anche come il più piccolo pianeta nano.

Nel 2015 la navicella spaziale della missione Dawn della NASA entrerà in orbita attorno a Ceres ed è probabile che possa affrontare alcune delle questioni sollevate nel numero di Giovedi della rivista Nature: Dove si trova il vapore acqueo visto sul pianeta? Come fa a rimanere nello spazio? E quali sono le implicazioni del ruolo di Ceres nel sistema solare?

“Questo è quello che si potrebbe chiamare la ‘pistola fumante’,” afferma a NBC NEWS Mark Sykes, amministratore delegato e direttore del Planetary Science Institute di Arizona. “Le implicazioni potrebbero essere enormi per il futuro dell’astrobiologia e dell’esplorazione planetaria.”
800px-Struttura_interna_di_Cerere-Schnitt

Sykes non è stato coinvolto nello studio di Nature, che si basa sui dati provenienti dall’Herschel Space Observatory dell’Agenzia Spaziale Europea. Tuttavia, si è vicini al cuore di Ceres: il co-investigatore della missione Dawn del costo di 466.000.000 di dollari ha da tempo suggerito che il pianeta nano potrebbe avere acqua liquida sotto la superficie e forse persino tracce di vita .

I risultati di Herschel non vanno lontano, ma essi forniscono la prova più forte che Ceres conteng riserve di ghiaccio d’acqua. Le missioni passate hanno aumentato la prova indiretta per l’acqua, ma nulla di conclusivo. Ci sono voluti rilevatori HIFI ad infrarossi molto sensibili per raccogliere la firma spettrale di vapore acqueo, a quanto pare proveniente da due macchie scure sulla superficie di Ceres’.

“Probabilmente, le regioni scure sono più calde rispetto alla superficie media, con conseguente sublimazione efficiente di piccoli serbatoi di acqua-ghiaccio”, riferiscono i ricercatori, guidati dall’ESA Michael Küppers alla rivista Nature. (Il ghiaccio può essere costituito da diversi ingredienti in mondi diversi: Marte, per esempio, ha acqua ghiacciata, nonché l’anidride carbonica sotto forma di ghiaccio.)

Küppers ed i suoi colleghi hanno stimato che Cerere stava dando fuori circa 13,2 libbre (6 kg) di vapore acqueo al secondo. Se questo fosse molto vapore condensato in liquido, esso sarebbe pari a poco più di un litro e mezzo (6 litri) di acqua.

I ricercatori ipotizzano che il vapore acqueo possa provenire da uno strato di ghiaccio superficiale, o da vulcani che emettono ghiaccio invece di lava.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

“L’ipotesi di cryovulcanismo richiede un interno caldo, ed è possibile che si trovi uno strato di acqua (sotto la superficie dell’oceano) da qualche parte”, ha detto Küppers a NBC News in una e-mail. “Nello scenario subliminale della cometa, c’è ‘solo’ uno strato di ghiaccio che è localmente vicino alla superficie e riscaldata dal sole. In questo caso, ci possono essere condizioni di acqua liquida in qualche parte l’interno così, se la pressione e la temperatura capita di essere alta.”

I ricercatori hanno trovato più prove per l’ipotesi basata sul fatto che la firma del vapore acqueo diviene più forte quando Ceres si avvica al sole nella sua orbita. Tuttavia, non ci sono ancora dati sufficienti per risolvere la questione. Le osservazioni di Dawn dovrebbero fornire i dati richiesti.

Cerere è il più grande oggetto nella fascia principale degli asteroidi che si trova tra Marte e Giove, in orbita a una distanza di circa 257 milioni miglia (414,000 mila km) dal sole. Come Plutone, Cerere è considerato un pianeta nano, perché è abbastanza massiccio per assumere una forma rotonda.

Küppers ha detto che i risultati del suo gruppo avvalorano l’idea che gli asteroidi e le comete che impattano abbiano contribuito alla creazione di acqua agli oceani nei primi anni della Terra. E se Ceres davvero nascondesse un oceano sotto la superficie – qualcosa che le lune Europa di Giove e di Saturno, Encelado, si pensi possano avere, potrebbero rafforzare la tesi per la vita su Ceres.

“Questo solleva la possibilità che Cerere potrebbe sostituire Europa come il primo obiettivo per le indagini planetarie”, ha detto Sykes. “E ‘intenzione di capovolgere il carro un po’, ma è la scienza.”

Fonte: www.nbcnews.com

Per questa news si ringrazia:

Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Vapore acqueo su Cerere, gli scienziati: “forse c’è vita sul mega asteroide”

Vapore acqueo su Cerere, gli scienziati: “forse c’è vita sul mega asteroide”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi