Una delle cause della continua recessione blocco del credito e Banche strozzine legalizzate

Insomma anche questa volta i numeri smentiscono le politiche d’austerità delle menti geniali della nostra economia, lo dico sempre…Mai affidarsi ad analisti che studiano l’andamento sul titolo non mettendoci un euro e la stessa cosa vale per i professoroni, senatori, presidenti ma soprattutto politici che ci hanno portato a questo livello.
Oggi ogni piu’ rosea aspettativa è stata stroncata.
La Commissione europea prevede un altro anno di  per la zona euro e la ripresa si intravede solo a fine anno.

Il commissario agli affari economici Olli Rehn non nasconde una certa amarezza: “Abbiamo ricevuto dati deludenti dalla fine dell’anno scorso- dice- ma abbiamo ricevuto qualche dato piu’ incoraggiante proprio negli ultimi giorni che lascia sperare per la ripresa della fiducia degli investitori in futuro”-
L’anno prossimo ci sarà una contrazione del prodotto interno lordo dello 0,3% nella zona euro. Le previsioni peggiori sono per la  con un meno 4, 4%, molto male anche Cipro meno 3,5%. Peggiorano anche le stime di crescita per l’, previsto un meno 1% del Pil, a causa soprattutto del calo dei  e della stretta creditizia nel settore privato, mi domando per la centesima volta… COSA ASPETTIAMO A COSTRINGERE LE  A FARE LE  E NON GLISTROZZINI LEGALIZZATI?
Come mai in certe zone dell’Europa il  viene distribuito alle aziende e da noi no?
Chi non lo ha letto legga cosa succede nel resto d’europa QUI

Ma ora vi lascio ai grafici che parlano chiaro e fanno vedere la recessione in Europa un triste declino dell’antico continente

per maggiori info > Una delle cause della continua recessione blocco del credito e Banche strozzine legalizzate

Share this post:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Related Posts

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi