Stare in piedi durante il lavoro: cinque benefici che sorpassano le ore di palestra

Trascorrere del tempo considerevole della vostra giornata stando in piedi potrebbe ridurre il rischio di obesità, diabete, malattie cardiovascolari e il cancro. Una settimana di campeggio può trasformare una persona in una sola mattina. La ricerca mostra che l’impatto cumulativo di seduta tutto il giorno per anni è associato…

Stare in piedi durante il lavoro: cinque benefici che sorpassano le ore di palestra

Rimanere in piedi durante il lavoro
Trascorrere del tempo considerevole della vostra giornata stando in piedi potrebbe ridurre il rischio di obesità, diabete, malattie cardiovascolari e il cancro.

Una settimana di campeggio può trasformare una persona in una sola mattina. La ricerca mostra che l’impatto cumulativo di seduta tutto il giorno per anni è associato ad una serie di problemi di salute, dall’obesità al diabete, al cancro. Poiché il lavoratore medio in ufficio trascorre 5 ore e 41 minuti seduto ogni giorno alla sua scrivania, alcuni descrivono il problema con un nuova lapidaria frase che è innegabilmente accattivante, se non un po ‘esagerato: “lo stare seduti è come il fumo”.

Gran parte di questa ricerca è stata effettuata da James Levine, endocrinologo presso la Mayo Clinic. “Il modo in cui viviamo ora tende a farci stare seduti tutto il giorno, a volte siamo tentati da una passeggiata dal parcheggio in ufficio”, ha recentemente detto durante un’intervista telefonica, parlando mentre passeggiava intorno al suo soggiorno. “Il valore di default è diventato il sedersi. Abbiamo bisogno rimanere in piedi.”

Tutto questo potrebbe sembrare sospetto, come l’ultima moda di salute, e nulla più. Ma un crescente corpo di ricerca, condotta sia da Levine e altri scienziati, conferma che uno stile di vita sedentario sembra essere dannoso nel lungo termine.

La soluzione, dicono, è non sedersi per sei ore di lavoro e poi dirigersi verso la palestra dopo, perché l’evidenza suggerisce che gli effetti negativi della seduta estesa non possono essere neutralizzati da brevi periodi di esercizio fisico. La risposta è quella di rimanere in piedi. Stando in posizione eretta di fronte alla scrivania è il modo più semplice per combattere i possibili danneggiamenti fisici dovuti al nostro lavoro. Qui sotto un elenco di alcuni dei benefici scienziati hanno trovato finora.

Riduzione del rischio di obesità

La ricerca di Levine ha iniziato come un’indagine in una questione di salute secolare: perché alcune persone aumentano di peso e altri no. Lui e colleghi hanno reclutato un gruppo di impiegati che si sono impegnati in poco esercizio di routine, mettendoli tutti su una dieta identica, che conteneva circa 1000 più calorie di quante fossero state consumate in precedenza e vietando loro di cambiare le abitudini di esercizio. Ma nonostante le dieta e l’esercizio fisico nei regimi standardizzati, alcuni partecipanti hanno guadagnato peso, mentre altri sono rimasti magri.

Alla fine, con la biancheria intima cucita con sensori che misurano ogni movimento sottile, i ricercatori hanno scoperto il segreto: i partecipanti che non hanno guadagnato peso sono aumentati, in media, 2.25 più ore al giorno, anche se tutti di loro hanno lavorato presso (seduti) sui loro banchi, e nessuno è andato in palestra. “Durante tutti i nostri giorni, ci sono opportunità per muoversi sostanzialmente di più», dice Levine, menzionando cose banali come camminare nell’ufficio di un collega piuttosto che inviare email, o fare le scale anziché l’ascensore.

Non riuscendo a trarre vantaggio da queste opportunità di costante movimento, si scopre che è strettamente associato con l’obesità. E la ricerca suggerisce che il nostro esercizio convenzionale, lo stare seduti tutto il giorno al lavoro, poi andare in palestra o andare a correre, “rende poco più sensata l’idea come quando si potrebbe contrastare l’abitudine di un pacchetto al giorno di sigarette per fare jogging”, afferma James Vlashos al New York Times. La chiave per ridurre il rischio di obesità è coerente con livelli moderati di movimento durante il giorno.

Gli scienziati stanno ancora studiando perché questo potrebbe essere il caso. La ridotta quantità di calorie bruciate durante la seduta ( uno studio 2013 ha trovato che standers bruciano in media 50 calorie all’ora) è chiaramente coinvolto, ma ci possono essere anche cambiamenti metabolici in gioco, come le cellule del corpo chr diventano meno sensibili all’insulina o i muscoli sedentari che rilasciando bassi livelli dell’enzima lipoproteina lipasi.

Naturalmente, tutto questo indica specificamente al pericolo dell’eccessiva seduta, non esattamente come il beneficio della capacità. Ma Levine ritiene che le due cose siano strettamente intrecciate.

“Il primo passo è alzarsi. La sase due è imparare ad alzarsi più spesso. Il passo tre è, una volta che siete in su, spostarvi,” dice. «E quello che abbiamo scoperto è che una volta che siete in su, non tendete a muovervi.” I passaggi uno e due, poi, sono tra i più importanti pezzi e una scrivania che ti incoraggia a stare almeno un po ‘di tempo è uno dei mezzi più comodi per farlo.

Riduzione del rischio di diabete di tipo 2 e altri problemi metabolici

Gli effetti nocivi per la salute del-sitting ed i benefici di standing-sembrano andare oltre la semplice obesità. Alcuni degli stessi studi di Levine e altri hanno trovato che lo stare seduti per lunghi periodi di tempo è correlata con efficacia ridotta nella regolazione dei livelli di glucosio nel sangue, parte di una condizione nota come sindrome metabolica, che aumenta notevolmente la probabilità di tipo 2 di diabete.

Uno studio del 2008, per esempio, ha scoperto che le persone che sedevano per periodi più lunghi durante il loro giorno avevano livelli significativamente più elevati di glicemia a digiuno, indicando loro che le loro cellule sono diventate meno sensibili all’insulina, con l’ormone non riuscendo a innescare l’assorbimento del glucosio dal sangue. Un 2013 studio [PDF] è venuto a risultati simili, ed è arrivato alla conclusione che per le persone già a rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, la quantità di tempo trascorso seduta potrebbe essere un fattore di rischio più importante piuttosto che alla quantità di tempo speso con forza nell’esercizio fisico.

Riduzione rischio di malattie cardiovascolari

Per quanto riguarda il sistema cardiovascolare, le prove scientifiche sui mali che seguono lo stare seduti risalgono fino al 1950, quando i ricercatori britannici hanno confrontato i tassi di malattie cardiache negli autisti di autobus di Londra (che ovviamente tendono a rimanere seduti per molto tempo) e ai controllori di autobus (che invece tendono sempre a rimanere in piedi durante le ore di lavoro), scoprendo che il primo gruppo ha registrato finora più attacchi di cuore e altri problemi rispetto al secondo.

Da allora, gli scienziati hanno scoperto che gli adulti che trascorrono più di due ore al giorno seduti hanno un 125 per cento aumento del rischio di problemi di salute legati a malattie cardiovascolari, tra cui dolore toracico e attacchi di cuore. Altri studi hanno rivelato che gli uomini che spendono più di cinque ore al giorno seduti al di fuori del lavoro e che fanno esercizio limitato erano a due volte più a rischio di insufficienza cardiaca, come coloro che esercitano spesso e sedersi in meno di due ore al giorno al di fuori dell’ufficio. Anche quando i ricercatori hanno controllato per la quantità di esercizio fisico, elementi eccessivi erano ancora al 34 per cento più probabilità di sviluppare insufficienza cardiaca rispetto a quelli che sono stati in piedi o in movimento.

Riduzione del rischio di cancro

Una manciata di studi hanno suggerito che i periodi di soggiorno prolungati possono essere collegati con un più alto rischio di molte forme di cancro. Il cancro al seno e al colon sembrano essere maggiormente influenzati dall’attività fisica (o mancanza): uno studio del 2011 ha rilevato che prolungata posizione seduta potrebbe essere responsabile fino a 49.000 casi di cancro al seno e 43.000 casi di tumore del colon ogni anno negli Stati Uniti, ma la stessa ricerca ha scoperto che quantità significative di cancro al polmone (37.200 casi), cancro della prostata (30.600 casi), carcinoma dell’endometrio (12.000 casi) e cancro ovarico (1.800 casi) potrebbero essere legati alla seduta eccessiva.

Il meccanismo alla base da cui la seduta aumenta il rischio di cancro è ancora chiaro, ma gli scienziati hanno trovato una serie di biomarcatori, come la proteina C-reattiva , che sono presenti in livelli più alti nelle persone che siedono per lunghi periodi di tempo. Questi possono essere legati allo sviluppo del cancro.

Rischio di mortalità a lungo termine

A causa della ridotta possibilità di obesità, diabete, malattie cardiovascolari e cancro, un certo numero di studi hanno trovato forti correlazioni tra la quantità di tempo che una persona trascorre seduta e la sua possibilità di morire entro un determinato periodo di tempo.

In uno studio australiano risalente al 2010, per esempio, si è scoperto che per ogni supplementare partecipante alle ore trascorse nella seduta giornaliera, il rischio complessivo di morire durante il periodo di studio (sette anni) è aumentato dell’11 per cento. Uno studio del 2012 ha trovato che, se l’americano medio riducesse il suo tempo nel sedersi a tre ore al giorno, l’aspettativa di vita salirebbe di due anni.

Controllando questi progetti relativi ad altre fattori come la dieta e-esercizio indicando che sedersi, in isolamento, può portare ad una varietà di problemi di salute e aumentare il rischio complessivo di morte, anche se si tenta di fare esercizio mentre tu non sei seduto e mangiare una dieta sana. E anche se ci sono molte situazioni oltre l’ufficio in cui ci si siede per lunghi periodi (guida e guardare la TV, per esempio, sono in cima alla lista), trascorrere un po ‘del vostro tempo al lavoro alla scrivania in piedi è uno delle più soluzioni dirette.

Se avete intenzione di iniziare a farlo, la maggior parte degli esperti consiglia di suddividere il tempo tra in piedi e seduti, perché il rimanere piedi tutto il giorno può portare a mal schiena, mal di ginocchio o problemi ai piedi. Il modo più semplice di realizzare questo sono o utilizzando una scrivania che può essere sollevata verso l’alto o una sedia alta che si può tirare fino alla vostra scrivania quando si ha bisogno di sedersi. E ‘anche importante facilitare in esso, dicono, da in piedi per poche ore al giorno in un primo momento in modo che il vostro corpo si abitui al ceppo, e muovendosi un po’, spostando la vostra posizione, stimolazione, o addirittura ballando mentre si lavora. Dopotutto, perché no?

Fonte: smithsonianmag.com

Per questo articolo si ringrazia:

Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Stare in piedi durante il lavoro: cinque benefici che sorpassano le ore di palestra

Stare in piedi durante il lavoro: cinque benefici che sorpassano le ore di palestra

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi