Sport e attività fisica per combattere la disfunzione erettile

Il problema dell’impotenza colpisce al giorno d’oggi 3 Milioni di italiani. Combattere l’impotenza è possibile, con uno stile di vita sano e tanto sport.

Se è vero che lo sport ci permette di mantenere in buona salute il nostro cuore e l’apparato circolatorio, allora appare chiaro come per il sesso forte questo sia fondamentale: grazie all’attività fisica è possibile, infatti, combattere l’accumulo di grasso nelle arterie, favorendo un’irrorazione sanguigna ottimale degli organi…pene compreso.

Ebbene si, secondo recenti studi è stato possibile rilevare lo stretto legame esistente tra virilità maschile e cuore sano, tanto più importante con l’aumentare dell’età. Impotenza, ingrossamento della prostata e problemi alle vie urinarie colpiscono il 70% degli over 50 e lo sport può rappresentare un importante aiuto per combattere disfunzioni così comuni.

Quali sport sono più indicati? Scale, camminata veloce o corsa rappresentano le soluzioni più efficaci e più economiche: l’importante è tenersi attivi evitando di trascorrere troppo tempo seduti in poltrona o davanti al computer. Uno specialista sarà certamente in grado di identificare la soluzione più adatta a voi, magari abbinando lo sport ai medicinali o integratori giusti.

Via libera a trekking e corsa, senza esagerare, oppure attività aerobiche come il nuoto, importante per implementare la resistenza allo sforzo, stretching e yoga, per favorire il rilassamento mentale e muscolare. Tra gli sport da evitare inseriamo certamente la cyclette, ciclismo e mountain bike, in quanto obbligano ad una posizione tale che, in caso di percorsi accidentati, può avere conseguenze negative sul benessere maschile.

Inoltre l’attività fisica permette di tenere sotto controllo il proprio peso corporeo, un altro fattore cruciale per una corretta e serena vita sessuale, ma anche stress e tensioni, responsabili di problematiche legate al corretto funzionamento dell’apparato genitale maschile.

Non serve fare sport da veri professionisti, sono sufficienti 40/50 minuti almeno 4 volte alla settimana per garantire al nostro organismo l’equilibrio psicofisico di cui ha bisogno per vivere bene.

Nel caso in cui le problematiche persistano è importante consultare un medico specialista in grado di dare il corretto supporto farmacologico necessario a risolvere il problema.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi