Primo impianto di una laringe artificiale in un uomo

Abbiamo appena appreso solo oggi, segnala Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti” che il professor Christian de Bry e il suo team del Dipartimento ORL degli Ospedali Universitari di Strasburgo hanno impiantato per la prima volta in assoluto, una laringe artificiale in un uomo 65 affetti da cancro. Oggi …

Primo impianto di una laringe artificiale in un uomo

laringe artificialeAbbiamo appena appreso solo oggi, segnala Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti” che il professor Christian de Bry e il suo team del Dipartimento ORL degli Ospedali Universitari di Strasburgo hanno impiantato per la prima volta in assoluto, una laringe artificiale in un uomo 65 affetti da cancro. Oggi il team è soddisfatto del risultato poiché può respirare normalmente anche se mediante una cannula inserita nel lume tracheale attraverso un foro della cute alla base del collo, come è spesso avviene in questo tipo di pazienti. Occorre precisare che l’informazione è stata rilasciata da un comunicato dalla società PROTIP che sviluppa dispositivi medici per pazienti con disfunzione della laringe, compresa la laringe artificiale. Non è quindi una pubblicazione scientifica. L’operazione si è svolta in due fasi. La squadra di chirurghi ha eseguito la prima asportazione della laringe del paziente e impiantato il primo componente della laringe , un anello di titanio tracheale artificiale. Il Dott. Bry ha dichiarato che quest’ultimo è destinato principalmente a ripristinare la parte dalla laringe tra la base della lingua e il restante collegamento della trachea, agendo tra i due. A causa del tipo di materiale di cui è fatto, l’anello si inserisce nel tessuto circostante e diventa parte integrante della gola. La seconda fase dell’installazione della laringe artificiale è stata effettuata un paio di settimane più tardi, nel novembre del 2012. Un dispositivo rimovibile costituito da una valvola è stata inserita nell’anello tracheale nella bocca del paziente in anestesia generale. Tutto riproduce in parte le funzioni naturali della laringe e il paziente può respirare di nuovo perfettamente. Per il professor Christian de Bry , questo è il risultato di oltre vent’anni di ricerca. Dopo anni di studi, in cui sono stati sperimentati adeguati biomateriali per la sostituzione della laringe, finalmente è stata scelta una combinazione di titanio solido e poroso, una combinazione di biomateriali aventi tutte le qualità richieste per lo sviluppo di un laringe artificiale. Questo primo intervento apre la strada a un processo che fornisce una nuova fonte di speranza per i pazienti con cancro della laringe . Alla fine, essi saranno in grado di recuperare la loro capacità di respirare, ma anche di parlare e mangiare normalmente . Per confermare il primo risultato positivo , è in corso in Europa uno studio. Dovranno ancora eseguire numerosi studi clinici prima che l’impianto della laringe artificiale diventi un test di routine. Attualmente, la chirurgia può offrire ai pazienti solo una tracheotomia permanente che rende impossibile di respirare e parlare normalmente e quindi condurre la stessa vita di tutti gli altri. E se , in casi molto rari , un trapianto della laringe è stato praticato, non si tratta di pazienti affetti da cancro . Da qui l’importanza della laringe artificiale.

Lecce, 7 ottobre 2013

Giovanni D’AGATA

Per questa notizia si ringrazia:

Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Primo impianto di una laringe artificiale in un uomo

Primo impianto di una laringe artificiale in un uomo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi