Libano: “È stato un messaggio all’Iran”. La testimonianza di una giornalista dopo gli attentati

Dopo il duplice attentato di questa mattina in Libano la tensione è alta. … Naila Shahwan: “Quando siamo arrivati sul luogo dell’attentato abbiamo visto a terra molti corpi carbonizzati. C’erano piú di una decina di vittime. Tra le due esplosioni c’è stato un intervallo di trenta …

Libano: “È stato un messaggio all’Iran”. La testimonianza di una giornalista dopo gli attentati

Dopo il duplice attentato di questa mattina in Libano la tensione è alta. …

Naila Shahwan: “Quando siamo arrivati sul luogo dell’attentato abbiamo visto a terra molti corpi carbonizzati. C’erano piú di una decina di vittime.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Tra le due esplosioni c’è stato un intervallo di trenta secondi. Poi si sono verificati scontri tra le forze di sicurezza dell’ambasciata iraniana e gli attentatori. Gli assalitori non sono riusciti ad entrare nella rappresentanza diplomatica. Era il loro obiettivo. Ma sono stati bloccati.

Dopo l’attacco i membri dei partiti dello “Sviluppo e Liberazione” e del “Blocco della Resistenza” sono accorsi sul posto. Hanno dichiarato che gli attentati rappresentavano un messaggio all’Iran e al suo ruolo sulla scena regionale.

Per questo articolo ringraziamo:

Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Libano: “È stato un messaggio all’Iran”. La testimonianza di una giornalista dopo gli attentati

Libano: “È stato un messaggio all’Iran”. La testimonianza di una giornalista dopo gli attentati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi