Sgarbi: peggiore crimine MPS proprietà Banca d’Italia

Sgarbi: peggiore crimine MPS proprietà Banca d’Italia

Notizie

http://www.statoquotidiano.it/21/02/2013/sgarbi-peggiore-crimine-mps-proprieta-banca-ditalia/128866/

altSgarbi (statoquotidiano)

Roma – OGGI giovedì 21 febbraio a Napoli alle 18,00 all’Hotel Royal Ciontinental, e domani a Roma, sempre alle 18, al Westin Excelsior Hotel di via Veneto, gli ultimi due appuntamenti promossi da Alfonso Luigi Marra (fondatore del partito «Fermiamo le banche») eVittorio Sgarbi per protestare contro il signoraggio bancario e le speculazioni degli istituti finanziari europei, come quella, recentissima, del Monte dei Paschi di Siena.

Poco prima dei due incontri saranno distribuite della banconote da 5 euro firmata da Marra e Sgarbi. Al centro del dibattito, dunque, il signoraggio bancario e le note vicende del Monte dei Paschi di Siena: «I crimini che ha commesso il Monte Paschi – spiegano in una nota congiunta Sgarbi e Marra – li commettono tutte le banche, ma soprattutto tutte commettono il crimine dei crimini: essere proprietarie della Banca d’Italia, a sua volta proprietaria del 15% della Banca Centrale Europea: cioè il crimine del signoraggio, del furto della sovra¬nità monetaria europea, e dunque il crimine delle tasse, che ne sono il velenoso frutto. Tasse con le quali il Ministero delle Finanze ed Equitalia stanno mangiando viva la società».

Se vuoi approfondire questo argomento segui il link: Sgarbi: peggiore crimine MPS proprietà Banca d’Italia

Argomenti trattati: 692 | Lotta al signoraggio bancario: lo strapotere di banca e finanza nella vita reale.
Altre informazioni inerenti Sgarbi: peggiore crimine MPS proprietà Banca d’Italia:

http://signoraggio.it/index.php?option=com_ijoomla_rss&act=xml&sec=1&feedtype=RSS2.0
Notizie

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi