La separazione dei coniugi e i suoi numerosi aspetti

Quando una coppia arriva ad un punto di non ritorno e decide di proseguire sulla strada della separazione, ci sono molti aspetti che andrebbero tenuti in considerazione, soprattutto quando dall’unione sono nati dei bambini.

Si tratta di un passo decisivo ed estremamente delicato, che deve innanzitutto mettere in primo piano il benessere dei figli contesi, riducendo al minimo l’inevitabile impatto che questo avvenimento avrà sulle loro vite e sulle loro quotidiane occupazioni. Le normali abitudini giornaliere infatti, verranno stravolte, e l’intero nucleo famigliare risentirà in qualche modo della rottura tra i coniugi.

La strada meno dolorosa è sicuramente quella della separazione consensuale, una procedura che prevede un accordo tra le parti su tutta una serie di questioni ben precise. Si tratta, in parole povere, di un compromesso che purtroppo viene raggiunto solo in pochissimi casi, nonostante rappresenti la strada meno lunga ed economicamente dispendiosa da percorrere.

Tutt’altra storia invece la separazione giudiziale, che prevede l’impossibilità di raggiungere un accordo tra le parti e tutta una serie di questioni che rendono inevitabile il riferimento ad un giudice. Tutto questo ovviamente comporta un allungamento dei tempi e una consistente lievitazione delle spese a carico di entrambi.

Che si tratti di separazione consensuale o di separazione giudiziale, bisognerebbe affidarsi ad un legale esperto e preparato, che possa aiutare a fronteggiare situazioni complesse soprattutto in relazione all’affidamento di eventuali figli.

Un importante riferimento professionale che sappia innanzitutto indirizzare la coppia verso la migliore modalità di separazione, spiegandone in dettaglio tutte le caratteristiche e gli eventuali pro e contro.

Esiste inoltre la possibilità di stabilire degli accordi prematrimoniali ben precisi a tutela dei coniugi e soprattutto dei figli, vere vittime di queste situazioni.

In questo modo la situazione potrà evolvere verso una più semplice e snella risoluzione, in modo da limitare al massimo l’impatto negativo della rottura sull’intero nucleo famigliare.

Senza dimenticare che, nel momento in cui sia uno dei due coniugi a risultare inadempiente ai doveri matrimoniali (come l’obbligo di coabitazione, l’obbligo di fedeltà reciproca, ecc), è possibile richiedere la separazione con addebito.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi