Scoperti quattro nuovi gas dannosi per l’ozono – solventi ed insetticidi chiamati in causa

Un vero e proprio colpo duro agli sforzi di questi ultimi anni atti a contrastare il famoso “buco di ozono”. Gli scienziati hanno identificato quattro nuovi gas artificiali nell’atmosfera che stanno contribuendo alla distruzione dello strato di ozono. Due dei gas di recente scoperta sono accumulati a un…

Scoperti quattro nuovi gas dannosi per l’ozono – solventi ed insetticidi chiamati in causa

buco ozono
Un vero e proprio colpo duro agli sforzi di questi ultimi anni atti a contrastare il famoso “buco di ozono”. Gli scienziati hanno identificato quattro nuovi gas artificiali nell’atmosfera che stanno contribuendo alla distruzione dello strato di ozono.

Due dei gas di recente scoperta sono accumulati a un tasso che sta causando preoccupazione tra gli scienziati.

La nuova ricerca degli scienziati della University of East Anglia, UK, dimostra che più di 74.000 tonnellate di tre nuovi clorofluorocarburi (CFC) e una nuova idroclorofluorocarburi (HCFC) sono stati rilasciati nell’atmosfera.

“La nostra ricerca ha dimostrato che i quattro gas che non erano in giro nell’atmosfera a tutti fino al 1960 il che suggerisce che si tratti di gas causati dall’attività umana”, afferma il capo ricercatore Dr Johannes Laube dalla Scuola di Scienze Ambientali della UEA.

“L’identificazione di questi quattro nuovi gas è molto preoccupante in quanto contribuiscono alla distruzione dello strato di ozono”, ha detto Laube.

Gli scienziati hanno fatto la scoperta confrontando campioni di aria di oggi con l’aria intrappolata nella neve polare che fornisce un archivio naturale dell’atmosfera secolare.

Hanno inoltre esaminato l’aria incontaminata raccolta tra il 1978 e il 2012 in Tasmania.

Le misurazioni mostrano che tutti e quattro i nuovi gas sono stati rilasciati nell’atmosfera recentemente e che due sono significativamente accumuli.

Gli aumenti delle emissioni di tale portata non sono stati osservati per tutte le altre CFC in quanto sono stati introdotti controlli nel corso del 1990.

Ma in nessun posto vicino il picco delle emissioni di CFC degli anni 1980, che hanno raggiunto circa un milione di tonnellate l’anno.

I CFC sono la principale causa del buco nello strato di ozono sopra l’Antartide. Le leggi per ridurre ed eliminare gradualmente i CFC sono entrate in vigore nel 1989, seguite da un divieto totale nel 2010.

Questo ha portato nel ridurre la produzione di molti di questi composti su scala globale.
Tuttavia, le leggi fatte di scappatoie permettono ancora qualche utilizzo per fini esentati, ha detto Laube.

“Non sappiamo da dove i nuovi gas vengano emessi e questo dovrebbe essere studiato. Possibili fonti includono prodotti chimici di materie prime per la produzione di insetticidi e solventi per la pulizia di componenti elettronici.

“I tre CFC vengono distrutti molto lentamente nell’atmosfera”.

Fonte: www.financialexpress.com

Per questa notizia ringraziamo:

Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Scoperti quattro nuovi gas dannosi per l’ozono – solventi ed insetticidi chiamati in causa

Scoperti quattro nuovi gas dannosi per l’ozono – solventi ed insetticidi chiamati in causa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi