Scoperta inquietante: il Wi-fi brucia i semi e le foglie delle piante, ma si sapeva già da anni

Un esperimento scientifico danese composto da un gruppo di giovani studentesse dimostra qualcosa di inaspettato e preoccupante, guadagnando interesse in tutto il mondo. La scoperta potrebbe farci ripensare la proliferazione di dispositivi wireless nelle nostre case. Cinque ragazze della Hjallerup Skole, una scuola di istruzione primaria in Danimarca, hanno iniziato …

News da:

Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo:

Scoperta inquietante: il Wi-fi brucia i semi e le foglie delle piante, ma si sapeva già da anni

Un esperimento scientifico danese composto da un gruppo di giovani studentesse dimostra qualcosa di inaspettato e preoccupante, guadagnando interesse in tutto il mondo. La scoperta potrebbe farci ripensare la proliferazione di dispositivi wireless nelle nostre case.

Cinque ragazze della Hjallerup Skole, una scuola di istruzione primaria in Danimarca, hanno iniziato l’esperimento dopo aver notato che quando dormivano con i loro cellulari vicino a loro teste durante la notte, hanno avuto difficoltà a concentrarsi il giorno dopo, secondo Danese sito Notizie DR.
semi di crescione di giardino esposti su wifi da studenti della Hjallerup SkoleLe risorse non erano disponibili per condurre un esperimento in giro per i segnali wireless che influenzano l’attività cerebrale, così invece le ragazze hanno deciso di monitorare la crescita delle piante vicino a dei router WiFi – e i risultati sono stati un pò scioccanti.

Sei vassoi contenenti i semi di crescione dei giardini (Lepidium sativum) sono stati collocati in una stanza senza un router WiFi, e sei vassoi sono stati collocati in una stanza diversa e accanto a due router WiFi che, secondo i calcoli delle ragazze, emettevano circa lo stesso tipo di radiazione come un cellulare normale, riporta DR.
Lepidium-sativum
Durante i 12 giorni dell’esperimento, i semi nei sei vassoi distanza dai router WiFi crescevano normalmente, mentre i semi prossimi ai router non sono cresciuti affatto. Infatti, le foto del progetto mostrano che molti dei semi posti vicino ai router hanno cambiato di colore dal verde marrone e sono morti.

“Questo ha scatenato un bel dibattito vivace in Danimarca per quanto riguarda i potenziali effetti negativi sulla salute di telefoni cellulari e e delle attrezzature Wi-fi” afferma Kim Horsevad, insegnante di biologia a Hjallerup Skole.

Horsevad ha detto che parte del dibattito locale sull’esperimento è stato più se gli effetti negativi sono dovuti ai semi di crescione di essiccazione dal calore emesso dai router computer/WiFi utilizzati nell’esperimento. Ma ha spiegato che gli studenti hanno tenuto i semi di crescione in entrambi luoghi sufficientemente umide durante l’intero esperimento, e le temperature erano controllate con un termostato.

Uno studio simile è stato condotto circa tre anni fa in Olanda, quando i ricercatori hanno notato che alcuni alberi nelle aree urbane hanno presentato dei “grumi nella corteccia”, secondo Popular Science.

L’esperimento, condotto dalla Università di Wageningen, ha coinvolto 20 alberi di frassino a vari tipi di radiazioni per tre mesi. Gli alberi scelti per testare la tolleranza ai segnali pesanti WiFi hanno cominciato a mostrare segni tipici della malattia da radiazioni, tra cui un “lead-come shine” sulle loro foglie.

Ora il progetto delle giovani studenti farà parte anche di una fiera della scienza.

Johanssen afferma che probabilmente: “l’esperimento verrà ripetuto in ambienti controllati, professionali, scientifico”. “Sarebbe consigliabile attendere i risultati degli altri esperimenti prima di basare tutte le decisioni importanti sui risultati della sperimentazione delle ragazze.”

Nonostante questo, già nel 2010 presso l’Università di Wageningen fu testato con prove di laboratorio l’impatto negativo sulla salute delle piante.

Studiano gli effetti delle radiazioni elettromagnetiche sulla crescita delle piante, sembra che la radiazione può avere un impatto negativo sulla salute delle piante. La ricerca fu realizzata dalla Wageningen University, parte di Wageningen UR.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Una delle cause che ha portato a questi esperimenti fu quella dei Frassini (Fraxinus) che nelle aree urbane soffrono di disturbi della crescita.

In passato problemi simili sugli stessi alberi venivano riscontrati con l’arrivo di agenti esterni biologici come i parassiti, ma i ricercatori non hanno più dubbi: una delle cause per il deterioramento degli alberi possono essere le radiazioni.

In una ricerca effettuata per conto del comune di Alphen aan den Rijn (Olanda meridionale) è stato esaminato l’effetto delle radiazioni dei noti punti di accesso WiFi su piccole aree verdi.

Le analisi, basate per un arco di tempo di più di tre mesi di esposizione a sei sorgenti di radiazioni con frequenze che vanno 2412-2472 MHz e una potenza di 100 mW EIRP, con foglie su una distanza di circa 50 cm dai sorgenti di radiazione, hanno dimostrato che dopo pochi mesi le piante avessero un aspetto di lucentezza metallica, una decolorazione delle foglie che sembravano portare alla scomparsa dello strato cellulare esterno delle stesse.
il wifi uccide le piante
La lucentezza metallica è stata seguita da essiccazione e morte di una porzione della foglia. Una relazione tra la radiazione wifi si affermava che l’ampia gamma di sintomi in alberi adulti non può esplicitamente essere collocato sulla base della ricerca attuale. Tuttavia solo tre anni più tardi la riconferma è appunto arrivata dallo studio della ragazze della Hjallerup Skole.

Per quanto riguarda la salute umana, è ben risaputo che le onde Wi-fi risulterebbero molto meno dannose di quelle emesse dalle apparecchiature di telefonia mobile, di conseguenza una correlazione diretta tra eventuali malattie come leucemia e altro non dovrebbero risultare a causa numero uno, ma di sicuro, dopo studi come questi sulle piante, tutti i ricercatori del mondo dovrebbero approfondire sull’argomento che se risulterà nuovamente confermato dovrebbe spingerci a trovare altre soluzioni per la diffusione delle apparecchiature per la navigazione in rete.

Sito della Hjallerup Skole: www.hjallerupskole.skoleintra.dk

Sito dell’Università di Wageningen: www.wageningenur.nl

Per questa news ringraziamo:

Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Scoperta inquietante: il Wi-fi brucia i semi e le foglie delle piante, ma si sapeva già da anni

Scoperta inquietante: il Wi-fi brucia i semi e le foglie delle piante, ma si sapeva già da anni

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi