Robot con videocamere nei tunnel al confine tra Messico e Arizona per combattere i contrabbandieri

Nogales, Arizona: i signori della droga si sono rivolti al tunnel sotto terra per evitare il rilevamento. Quasi 170 gallerie sono state trovate a livello nazionale dal 1990, la maggior parte lungo il confine con l’Arizona e la California con il Messico. Il lavoro di ricerca di queste reti può essere …

Robot con videocamere nei tunnel al confine tra Messico e Arizona per combattere i contrabbandieri

robot videocamere in un tunnel in messicoNogales, Arizona: i signori della droga si sono rivolti al tunnel sotto terra per evitare il rilevamento.

Quasi 170 gallerie sono state trovate a livello nazionale dal 1990, la maggior parte lungo il confine con l’Arizona e la California con il Messico. Il lavoro di ricerca di queste reti può essere pericoloso, quindi la US Border Patrol sta svelando la sua ultima tecnologia nella guerra sotterranea: un robot senza fili dotato di videocamera.

I tre robot dotati di fotocamera wireless consentono algi agenti di frontiera di navigare in remoto nei tunnel e nei sistemi di drenaggio che i trafficanti utilizzano per intrufolarsi con droga, armi e persone attraverso il confine.

L’agenzia utilizza i dispositivi per tenere gli agenti lontani dal pericolo. Molte gallerie possono essere costruite male e possono collassare, inoltre spesso vi è una mancanza di un’adeguata ventilazione.

I robot, del peso 5.4 chilogrammi, consentono agli agenti di navigare in un labirinto sotterraneo in una frazione del tempo che sarebbe necessario per un agente ad esplorare il tunnel. E i dispositivi possono essere utilizzati nelle gallerie e nelle tubazioni dove gli agenti non possono passare. Ecco un video:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

I robot tunnel sono utilizzati da Border Patrol già da diversi anni. Ma l’agenzia ha recentemente pagato 109 mila dollari per le tre nuove fotocamere con i soldi da un fondo apposito, ricavato dal sequestro dei beni nei casi penali, tra cui i casi di droga.

Due dei tre robot rimarranno nel sud dell’Arizona, mentre il terzo è diretto a sud della California, dove le autorità di immigrazione hanno utilizzato un robot nei tunnel per un certo numero di anni.

I Tunnel variano da estremamente rudimentali, un piccolo cunicolo scavato a mano, a volte solo abbastanza grande per fari si che una persona possa strisciarsi all’interno, sino a quelli molto sofisticati, con luci, supporti per sorreggere il soffitto impianto di ventilazione. Essi possono variare da pochi metri da un lato all’altro del confine fino a 0,8 km di lunghezza.

Alcune gallerie semplicemente vanno da un lato all’altro del confine con gli scarichi di contrabbando in un campo o su suolo pubblico, mentre altri fuoriescono in magazzini o in case lungo il confine.

I Minatori e altri lavoratori assunti da criminali usano zappe, martelli pneumatici, pale e picconi per cavare suolo e caricare la sporcizia in secchi che vengono portati indietro del punto di partenza del tunnel in Messico. I loro strumenti sono vecchio stile e possono essere acquistati presso negozi per la casa. I minatori, per esempio, devono utilizzare delle bussole perché i dispositivi GPS non funzionano sottoterra.

I contrabbandieri hanno scavato decine di tunnel a Nogales, in Arizona, che iniziano in Messico e legano nel sistema di drenaggio la città dell’Arizona.

Per le gallerie sofisticate, come quelle che si trovano vicino a San Diego, i criminali dovranno assumere ingegneri e minatori per costruire i tunnel. Ogni contrabbandiere è possessore di un’area che riporta i padroni del tunnel per gestire la costruzione.

I Funzionari di frontiera degli Stati Uniti stimano che i tunnel più sofisticati probabilmente costano tra I 2 milioni e i 3 milioni di dollari.

I gruppi di contrabbando utilizzano i tunnel per spostare la droga, armi e persone che vogliono sgattaiolare attraverso il confine degli Stati Uniti, anche se i trafficanti sono a volte selettivi su ciò che si muoveranno attraverso le loro gallerie.

Gli esperti dicono che le gallerie sofisticate sono utilizzate per lo più per droga e contrabbando di armi, anche se le persone che non vogliono rischiare di viaggiare fuori terra a volte riescono furtivamente ad attraversare quei tunnel.

Cocaina e metanfetamine sono portati attraverso i tunnel, ma anche la marijuana, che è grande e ingombrante e quindi difficile da spostare – è la droga più diffusa trasportata attraverso i tunnel.

Le autorità hanno trovato un tunnel di 550 metri, nel sud della California nel mese di novembre 2011, che ha provocato sequestri di 32 tonnellate di marijuana su entrambi i lati del confine, con 26 tonnellate sul lato degli Stati Uniti, che rappresentano uno dei più grandi ritrovamenti di marijuana nella storia degli Stati Uniti. Quel tunnel era dotato di automotrici elettriche, l’illuminazione e la ventilazione, con tavole di legno allineate al piano.
robot in un tunnel in messico
I trafficanti di immigrati usano il tunnel “buco gopher” costituito da enormi tubi in PVC che sono sepolti sottoterra e attraversano la frontiera, offrendo lo spazio attraverso il quale una persona riesce a malapena a strisciare.

Le gallerie di scarico in luoghi come Nogales sono utilizzate sia per migranti che per il traffico di droga.

La maggior parte delle gallerie vengono scoperte grazie all’intelligenza umana, sia messicani o autorità americane che pattugliano il confine e notano che il terreno è stato disturbato, o tramite gli informatori.

Per questa news ringraziamo:

Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Robot con videocamere nei tunnel al confine tra Messico e Arizona per combattere i contrabbandieri

Robot con videocamere nei tunnel al confine tra Messico e Arizona per combattere i contrabbandieri

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi