Redazione Contropiano: Laureato fa rima anche con disoccupato

Redazione Contropiano: Laureato fa rima anche con disoccupato

Notizie

c355737f54d2a5ed274a9477257ff28d L1

 

Disoccupati anche se laureati. Un fenomeno in drammatica crescita, che esce fuori con prepotenza anche dalla relazione di AlmaLaurea.
Nell’ultimo anno è calato ancora il tasso di occupazione dei laureati, non solo tra quelli freschi di laurea ma anche tra quanti il pezzo di carta l’hanno preso in tempi meno recenti. E se è vero che nell’arco della vita lavorativa la laurea continua a rappresentare un forte investimento contro la disoccupazione (anche se meno efficace in Italia rispetto ad altri paesi), è altrettanto vero che per coloro che escono dall’università si registrano bassi stipendi, una riduzione della stabilità lavorativa negli ultimi quattro anni associata a un aumento particolare dei lavori non regolamentati da alcun contratto di lavoro (+3 punti per i laureati di primo livello, +4 punti per quelli di secondo livello). Il lavoro nero (laureati senza contratto) riguarda il 7% dei laureati di primo livello e degli specialistici, il 12,5% di quelli a ciclo unico.

La disoccupazione aumenta (in misura superiore rispetto all’anno passato) fra i laureati triennali: dal 19 al 23%, ma lievita pure fra i laureati specialistici, quelli con un percorso di studi più lungo (dal 20 al 21%) e fra gli specialistici a ciclo unico, come i laureati in medicina, architettura, veterinaria, giurisprudenza: dal 19 al 21%. Una tendenza che si registra anche fra i laureati tradizionalmente caratterizzati da un più favorevole posizionamento sul mercato del lavoro, come, ad esempio, gli ingegneri. 

Rispetto all’indagine 2008 la stabilità lavorativa ha subito una forte contrazione, pari a 10 punti tra i triennali, 6 punti tra gli specialistici, ma solo di 3 punti tra i laureati a ciclo unico. Contrazione legata in particolare al vero e proprio crollo, in taluni casi, dei contratti a tempo indeterminato (-13 punti percentuali tra i laureati triennali, -8 punti tra gli specialisti e -4 tra quelli a ciclo unico). 

Le retribuzioni a un anno dalla laurea superano di poco i 1.000 euro netti mensili. Rispetto alla precedente rilevazione, se si considerano le retribuzioni reali, ovvero se si tiene conto del mutato potere d’acquisto, le contrazioni crescono fino all’8% tra i triennali e al 5% tra gli specialistici, ciclo unico compresi. Se si estende il confronto temporale all’ultimo quadriennio (2008-2012), emerge che le retribuzioni reali sono diminuite, per tutte e tre le lauree considerate, del 16-18%. 

La condizione occupazionale e retributiva dei laureati resta comunque migliore di quella dei diplomati. Fonti ufficiali (Istat e Oecd) evidenziano che, fino a oggi, nell’intero arco della vita lavorativa, in Italia, i laureati hanno presentato un tasso di occupazione di oltre 12 punti percentuali maggiore rispetto ai diplomati (76,6 contro 64,2%). Le medesime fonti confermano che anche la retribuzione ha premiato i titoli di studio superiori: fra i 25-64enni risulta più elevata del 50% rispetto a quella percepita dai diplomati.


Fonte: contropiano.org

Se vuoi approfondire questo argomento segui il link: Redazione Contropiano: Laureato fa rima anche con disoccupato

Argomenti trattati: 832 | Lotta al signoraggio bancario: lo strapotere di banca e finanza nella vita reale.
Altre informazioni inerenti Redazione Contropiano: Laureato fa rima anche con disoccupato:

http://signoraggio.it/index.php?option=com_ijoomla_rss&act=xml&sec=1&feedtype=RSS2.0
Notizie

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi