Piacere sessuali. I giovani alla ricerca del piacere sessuali. Lui e Lei e la perdita del desiderio

Portiamo in evidenza questo articolo da:

Controcampus » Attualità:

Piacere sessuali. I giovani alla ricerca del piacere sessuali. Lui e Lei e la perdita del desiderio

Piacere sessuali. I giovani alla ricerca del piacere sessuali. Lui e Lei e la perdita del desiderio

Giovani e Piacere

I giovani, tra narcisismo e depressione, alla ricerca del piacere sessuali

Il piacere è l’arte del vivere con spirito Dionisiaco e del vagare a briglie sciolte, al di là del bene e del male, lungo la via che conduce alla libertà.

Narcisi, depressi, amanti del superfluo, paladini dell’apparenza ed impavidi ricercatori di un piacere primitivo ed ancestrale. Un piacere libero e creativo capace di render la vita di ognuno un’opera d’arte. I giovani italiani, seppur con le dovute proporzioni, tendono a riecheggiare, in maniera non del tutto illusoria, l’Andrea Sperelli de il Piacere di D’annunzio: l’esteta dissoluto che reagì alla delusione amorosa gettandosi nella mondanità. Simboleggiano il ritmo frenetico ed inesorabile del terzo millennio. Un ritmo d’impronta nietzschiana; superomistico. Veemente e frenetico come le onde del mare in tempesta. Violento come l’idea di un’umanità radicalmente rinnovata.

La nostra civiltà occidentale è profondamente mutata. I giovani d’oggi sono sempre più disinibiti. Comprano ciò che desiderano. Riempiono gli armadi, li adorano morbosamente per un po’; poi li svuotano, per far spazio al nuovo. Ne il Piacere, infatti, l’armadio riassume la sconfitta del protagonista. E’ il simbolo del nulla e della fuga dai valori. E’ questa, forse, una delle metafore dell’odierna società: Il trionfo del consumo e la centralità della merce, l’hanno resa lautamente materialista.

I giovani d’oggi consumano, corrono, scalpitano sorridenti, dirigendosi verso il nulla: l’abiura dell’essenziale. Tuttavia, al di là dei loro sguardi felici, si cela una triste verità: vivono l’epoca attuale con intenso ed inconfessabile disagio interiore. Perché in una società, come la nostra, ove quasi tutto è intriso di lussuriosa parvenza, non vi è spazio alcuno per chi non sa o non vuol mentire, fingendosi felice. La società ed il pensiero occidentali, in fin dei conti, dimostrano, a chiare lettere, l’esistenza del virus nichilista. Un virus capace di annientare le speranze ed acuire le illusioni, dando spazio all’inesorabile e deleteria accettazione del tutto. Ed è questo il reale problema. I giovani non devono cedere alle tentazioni nichiliste. Essi devono scavare dentro di sé alla ricerca della luce che sia in grado di annientare la brama del superfluo, epurandosi dalla fuliggine che annebbia i loro cuori.

Bondage

Giovani e Piacere Sessuali, alla ricerca di un piacere diverso. Secondo recenti statistiche, il 72% dei giovani italiani sostiene che per avere rapporti non si debba essere per forza innamorati. Sebbene siano più precoci dei loro genitori (si stima che i primi rapporti vengano consumati intorno ai 15 anni, e nel 36% dei casi in assenza di contraccettivi) i giovani d’oggi appaiono più suscettibili al calo del desiderio.

Secondo gli esperti, infatti, negli ultimi tempi sarebbe diminuita drasticamente la quantità dei rapporti (i genitori facevano l’amore il doppio delle volte). Seppur incline ad interpretazioni soggettive, la frequenza dei rapporti intimi è una cartina al tornasole degli odierni mutamenti societari. A generar il calo del desiderio sarebbero crisi economica, stress ed incertezze per il futuro. A ciò va aggiunto un altro dato a dir poco sconcertante: soltanto una ragazza su due sceglie di fare l’amore ricorrendo alla contraccezione. Dunque, se da un lato diminuiscono i rapporti intimi, dall’altro, aumentano i disagi di coppia e le disfunzioni dell’apparato genitale. I giovani non usano regolarmente precauzioni e praticano rapporti senza amore, accarezzando l’idea di un mondo edulcorato dal piacere e privo di coinvolgimenti emotivi. Cioè il mondo profetizzato da Nietzsche e descritto da D’annunzio nel primo Romanzo della Rosa.

[adsense]

Al fin di comprendere al meglio il binomio tra giovani e piacere sessuali ed, al contempo, far luce sulle inconfessabili problematiche esistenziali dei tempi moderni, abbiamo deciso di contattare due ragazzi.

Andrea, potresti parlarci del tuo rapporto con le donne e con il piacere sessuali? Usi precauzioni?

“Sono una persona piuttosto dissoluta e schietta. Da 2 anni ho una relazione stabile con una ragazza. Non credo di amarla, ma per ragioni di convenienza non ho il coraggio e la volontà di lasciarla. Credo di essermi innamorato una sola volta nella vita. Accadde molto tempo fa. Ero ancora troppo ingenuo. Quando lei mi lasciò soffrii come un matto e decisi di non innamorarmi mai più. Da allora sono diventato una specie di dandy. Passo da una storia all’altra senza rimorsi e coinvolgimenti emotivi. Per me le donne sono come le onde del mare: ed io, cinico tuffatore, le attendo l’una dopo l’altra, fino a che il mare non si calmi. Nonostante sia fidanzato, tradisco inesorabilmente la mia ragazza, senza rimpianti o amarezze. Quando esco la sera, so già ciò cosa dirò ad una donna per sedurla e portarla a letto. Ovviamente, uso sempre precauzioni. E’ questa la mia realtà. Sono cinico, lo so. Il piacere sessuali per me è il balsamo della vita; scioglie i nodi ai chiaroscuri dell’anima. Tuttavia, dopo un po’, il piacere può annoiare. Soprattutto se entra in ballo la routine. L’estremizzazione del piacere sessuale disgusta, corrode, deprime. In passato, ad esempio, quando soffrivo per amore, non riuscivo ad avere rapporti con altre ragazze. Continuavo a pensare alla mia ex. Così mi rivolsi ad uno psichiatra. Oggi sto molto meglio, anche se comprendo quanto possa apparire errato il mio comportamento. Probabilmente se non avessi vissuto una così triste esperienza, di certo sarei un ragazzo diverso, crederei nell’amore e magari sognerei di metter su famiglia. Ma purtroppo è andata così”.

Perdita del piacere sessuali

Elena, tu invece che ne pensi del binomio tra piacere sessuale e giovani ? Quando fai l’amore usi precauzioni?

“Credo che l’amore sia un sentimento imprescindibile. Sono una giovane studentessa universitaria. Sono nata e cresciuta in ambienti piuttosto modesti. La mia è una famiglia semplice ma profondamente ricca di valori. Sin da subito ho compreso l’importanza della semplicità. Per me essere felici significa poter essere al fianco della persona che si ama, condividendo gioie e dispiaceri della vita. Sono fidanzata da 5 anni e non tradirei mai il mio ragazzo. Con lui c’è una grande sintonia, sotto tutti i punti di vista. Chi mi conosce bene sa quanto ne sia innamorata. Il piacere sessuali, ovviamente, ha la sua importanza. Sarei ipocrita se affermassi il contrario. Ma quando stai con una persona da 5 anni, cominci ad apprezzare e condividere la realtà in maniera diversa. Ad esempio, io e il mio ragazzo, facciamo l’amore soltanto una volta a settimana. Ovviamente, senza protezione. Talvolta, lui è fuori per lavoro. A dire il vero, negli ultimi tempi i nostri rapporti sono diminuiti. Continuiamo ad essere innamorati l’uno dell’altra (o almeno spero), ma la nostra relazione ha perso un pizzico d’intimità. D’altronde, mi è capitato di leggere che dopo qualche anno, tutte le coppie attraversano una fase caratterizzata dai cali del desiderio. Spero solo che la nostra sia una fase passeggera. ”. 

Antonio Migliorino

L’articolo Piacere sessuali. I giovani alla ricerca del piacere sessuali. Lui e Lei e la perdita del desiderio sembra essere il primo su Controcampus.

Per questo post ringraziamo: Controcampus » Attualità e vi invitiamo a continuare la lettura su: Piacere sessuali. I giovani alla ricerca del piacere sessuali. Lui e Lei e la perdita del desiderio

Piacere sessuali. I giovani alla ricerca del piacere sessuali. Lui e Lei e la perdita del desiderio

Argomenti trattati:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi