Onde rilevate sui laghi di Titano, la luna di Saturno

Gli scienziati credono di aver individuato le prime ondate di liquido sulla superficie di un altro mondo. La firma di increspature isolate è stata osservata in un mare chiamato Punga Mare sulla superficie della luna di Saturno, Titano. Tuttavia, questi mari non sono riempiti con acqua, ma con idrocarburi quali…

Onde rilevate sui laghi di Titano, la luna di Saturno

titano
Gli scienziati credono di aver individuato le prime ondate di liquido sulla superficie di un altro mondo.

La firma di increspature isolate è stata osservata in un mare chiamato Punga Mare sulla superficie della luna di Saturno, Titano.

Tuttavia, questi mari non sono riempiti con acqua, ma con idrocarburi quali metano ed etano.

Questi esistono allo stato liquido su Titano, dove la temperatura superficiale media è di circa-180C.

Lo scienziato planetario Jason Barnes ha discusso i dettagli dei suoi risultati alla 45a Lunar and Planetary Science Conference (LPSC) in Texas.

Titano è una strana versione specchio della Terra con un’atmosfera sostanziale e un ciclo stagionale. Vento e pioggia modellano la superficie per formare i canali dei fiumi, dei mari, dune e litorali.

Ma molto di ciò che è familiare è anche rivolto lateralmente: le montagne della luna e dei campi di dune sono fatte di ghiaccio, piuttosto che roccia o sabbia, idrocarburi liquidi e occupano molti dei ruoli giocati da acqua sulla Terra.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

La stragrande maggioranza dei laghi e dei mari di Titano sono concentrati intorno alla regione polare nord. Proprio uno di questi corpi di liquido – il Mar Ligeia – si stima contenere circa 9.000 km cubi di metano per lo più liquido, pari a circa 40 volte le riserve accertate di petrolio e di gas sulla Terra.

L’immagine di polo nord di Titano ripresa dalla sonda Cassini durante un passaggio ravvicinato nel luglio 2012 mostra il riflesso della luce solare dalla superficie liquida più o meno allo stesso modo di uno specchio che ri-dirige la luce. Questo fenomeno è noto come riflessione speculare.

Titano è la più grande luna di Saturno e il secondo più grande del Sistema Solare. E ‘l’unica luna del sistema solare con nuvole e un’atmosfera sostanziale. Il Vento e la pioggia creano caratteristiche simili a quelle trovate sulla Terra, come dune, laghi e fiumi. Ma su Titano piove metano liquido, riempiendo fiumi, laghi e mari di idrocarburi.

Il dottor Barnes, dall’Università di Idaho a Mosca, negli Stati Uniti, ha utilizzato un modello matematico per indagare se le caratteristiche dell’immagine siano compatibili con le onde.

“Pensiamo di aver trovato le prime ondate fuori dalla Terra”, ha detto alla riunione.

“Quello che stiamo vedendo sembra essere coerente con le onde nel ‘Mar Punga’ [con una pendenza] di sei gradi.”

Ha detto che altre possibilità, come ad esempio una piana fangosa bagnata, non sono da escludere.

Ma assumendo che questi erano effettivamente le onde, il dottor Barnes calcola che una velocità del vento di circa 0,75 m / s è necessaria per produrre increspature con la pendenza necessaria dei sei gradi.

Che i punti delle onde siano solo 2 centimetri di altezza. “Non fate le vostre prenotazioni per surf in vacanza per Titano” ha scherzato il dottor Barnes.

Tuttavia, Titano sembra essere sull’orlo di grandi cambiamenti stagionali, che presentano importanti opportunità per gli scienziati di acquisire una migliore comprensione di questo mondo complesso e infinitamente sorprendente.

“L’aspettativa è che da un giorno all’altro, i venti inizieranno ad essere abbastanza forti come ci muoviamo nell’estate boreale, e le onde inizieranno a raccogliere,” afferma Ralph Lorenz, della Johns Hopkins Applied Physics Laboratory (JHUAPL) in Maryland.

“Si può anche ottenere un fenomeno noto come vento set-up, dove il vento su un corpo di acqua farà sì che il liquido si accumuli, causando potenzialmente una tempesta.”
mappa polo nord di titano satellite di saturno
Ha aggiunto: “A metro di tempesta, un metro di maree, è certamente nei limiti del possibile per Titano Che possiamo vedere che [con Cassini] è un’altra questione.».

Il dottor Lorenz si è detto fiducioso che l’innalzamento del livello del mare di un metro di altezza potrebbe causare coste di migrazioni e che questo potrebbe essere dipeso dall’orbita.

Titano opera su un ciclo stagionale di 30 anni, con la regione settentrionale che attualmente si avvicina il solstizio d’estate, che segnerà nel 2017.

I modelli al computer del clima di Titano suggeriscono che l’estate settentrionale si avvicina la stagione delle piogge, in cui gli idrocarburi liquidi sono “pompati” dal polo sud a nord con il ciclo climatico.

Gli scienziati si aspettano che molto presto le nubi inizieranno a raccogliere al polo nord e si dovrebbe iniziare a piovere.

Immagine della superficie di Titano ricevuta dalla sonda Cassini“Abbiamo un quadro a lungo termine dei livelli dei liquidi in aumento al nord e in calo al sud. Ma che è sullo sfondo di vedere ciò che pensiamo siano depositi evaporitici intorno ai mari e laghi del Nord”, ha spiegato il dottor Lorenz.

Queste regioni evaporitiche sono equivalenti a Titano con le saline presenti sulla Terra dove i corpi d’acqua evaporano, lasciando dietro di minerali che erano stati precedentemente disciolti nell’acqua.

“Questo suggerisce che, mentre il livello del mare è in aumento in epoca attuale, in qualche momento del passato, il livello del liquido era molto più alto di quanto lo sia oggi. Ora abbiamo mappato la maggior parte della superficie e non ci sono grandi aree in cui si potrebbe nascondere un altro mare”, ha spiegato.

La quantità di umidità nel sistema climatico potrebbe oscillare perché il metano viene continuamente distrutto nell’atmosfera dalla luce solare. Ma gli scienziati ritengono che potrebbe anche essere ri-alimentato attraverso rutti vulcanici da sotto la superficie della luna.

Nella sua presentazione al LPSC, il dottor Lorenz si è focalizzato su una stretta funzionalità “a gola” che separa i due bacini principali del grande mare del Titano, il Mare Kraken.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

La duplicazione della “Gola del Kraken”, è di dimensioni simili allo stretto di Gibilterra e potrebbe generare in rapido movimento correnti di marea attraverso il canale stretto.

Il dottor Lorenz ha sottolineato che sulla Terra, tali circostanze possono produrre vortici, e nel caso del Corryvreckan al largo delle coste della Scozia, un vortice di marea genera un boato che può essere ascoltato a 16 km di distanza. Se tali fenomeni esistevano in questa posizione su Titano è pura speculazione, ha detto.

Il dottor Lorenz ha spiegato: “E ‘davvero sempre molto eccitante, perché stiamo iniziando a ottenere un grande quadro letterale, nel senso che la copertura radar [della superficie di Titano] è vicina a completarsi. Ci stiamo muovendo in estate settentrionale, dove c’è una migliore illuminazione, il che significa che la fotocamera e lo spettrometro nel vicino infrarosso sulla Cassini sono anche in grado di mappare i mari del nord. “

“Tutto sta cominciando insieme, e mari e laghi sono diventati il tema centrale nella scienza su Titano.”

Fonte: www.bbc.com

Per questo post ringraziamo:

Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Onde rilevate sui laghi di Titano, la luna di Saturno

Onde rilevate sui laghi di Titano, la luna di Saturno

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi