Oltrelacoltre: DALLA DITTATURA DEL RELATIVISMO ALLO STATO ETICO

Oltrelacoltre: DALLA DITTATURA DEL RELATIVISMO ALLO STATO ETICO

Notizie

banksy palestinechairs1di Gianni Tirelli


Dissertazione

– La sola strada che ci può condurre alla verità e quindi al cambiamento, è l’azione. Ma l’azione presuppone consapevolezza, e la consapevolezza, per essere tale, necessita di parametri e solidi punti di riferimento, attraverso i quali accreditare le nostre scelte e la bontà dei nostri comportamenti. Tutto questo fa capo a quell’impianto etico primigenio, connaturato, che l’uomo ha avuto in dote al momento della sua venuta al mondo, e che nell’arco di un solo secolo è stato sacrificato sull’altare della modernità consumista, soppiantato dalle logiche liberticide perverse che la Dittatura del Relativismo ha messo in atto, e in virtù delle quali attua la sua opera di omologazione delle coscienze. In questo modo, tutti si attengono alle regole stereotipate di un libretto di istruzioni, che ogni singolo interpreta alla lettera in ogni suo punto, comma e nota.

Siamo noi in grado, attraverso i nostri articoli di denuncia e tutte le informazioni che attingiamo dal grande mare della Rete, capaci di sensibilizzare l’opinione pubblica, a tal punto che, la stessa, si attivi nel tradurre in fatti e azione, una nuova ed eventuale presa di coscienza?

Immaginare di combattere e sconfiggere il Sistema, vivisezionandolo attraverso l’informazione mediatica, portandone alla luce tutti i suoi crimini, è una mera illusione! Da seduti, è difficile produrre il cambiamento.

In questa mia nuova veste di apprendista giornalista (una pratica intellettuale che da alcuni anni coltivo per il bisogno incontrollabile di dare voce al mio dissenso e all’indignazione verso un mondo asservito all’impostura), ho più volte sostenuto l’opportunità di un ritorno al passato, ad una pacificazione con la natura, come inderogabile e unica soluzione a tutte le contraddizioni, degenerazioni e aberrazioni, che il Liberismo Relativista coltiva nel suo DNA, come eccellenze.

Non ho mai creduto ne sperato in un cambiamento, né in una radicale riconversione del Sistema, né tanto meno in un atto di fede. Ma la passione, l’amore per la vita, e la devozione alla bellezza, volano ben oltre le nostre aspettative, i risultati e il coronamento insperato di un ideale di libertà. Si! Continueremo ancora a batterci con forza contro il potere delle banche, della finanza, della politica, con il nostro dito inquisitore puntato contro i grandi gruppi di potere, contro le mafie, la corruzione, il degrado ambientale, ma ben consapevoli del fatto che tutto si perderà, inascoltato, dentro il baratro della totale indifferenza.

Perché, se anche venissimo a conoscenza di tutte le turpitudini, di tutti i crimini e le perversioni del Sistema, sventolandole in mondo visione sul naso dei loro autori e indicandoli uno per uno con nome e cognome, tutto rimarrebbe esattamente lo stesso.

Questo perché, la nostra opera di denuncia e di diffusione della notizia, resta lettera morta se non suffragata da un’azione di ribellione tangibile – e di rinuncia alle seduzioni del Sistema, che ci dissoci ogni dipendenza che possa alimentarlo e nutrirlo.

Potremmo dunque dire peste e corna del Sistema, che nulla cambierebbe. E diversamente da quanto la logica ci costringe a pensare, lo stesso si nutre di tutto questo, ne gode e se ne vanta, trasformandolo in seguito in un grande affare.

E’ Lui è il nostro creatore, ed è lui che ci concede la possibilità di attaccarlo, criticarlo e maledirlo, sapendo che ne ricaverà vantaggi e subdolo piacere.

La Bestia dorme sonni tranquilli, sapendoci occupati e divertiti dentro una battaglia virtuale che non sarà mai in grado nemmeno di scalfire l’ombra di un qualsiasi ipotetico, insignificante nemico.

Così, la nostra accorata invocazione e supplica di un ritorno alla terra, decade in romanticismo – la richiesta della pena certa, si fa giustizialismo – il rispetto delle regole, conformismo – e la condanna della menzogna, degrada in moralismo –

Lo Stato Etico Assoluto

Cosa ci aspetta dunque, in un prossimo futuro, quando oggi abbiamo perso l’ultima occasione per attivare quella metamorfosi antropologica che avrebbe garantito la dignità, la libertà, e la sicurezza economica ai nostri figli e nipoti? E come pensate che si “evolva” e muti il tanto decantato Stato Liberale, oggi liberista e liberticida, sulla base di questi presupposti, nei prossimi anni a venire? Sarebbe più salutare per tutti non chiederselo e non saperlo!

La possibilità, non più remota, che dopo l’implosione del Liberismo si instauri un Regime Etico Assolutista di salvezza globale, è più che plausibile; inevitabile conseguenza di quel processo morboso di degrado e di distruzione, architettato dalla Bestia Liberista Relativista, – un atto dovuto e conseguente, effetto straordinario volto a tutelare la mera sopravvivenza dell’umanità e a scongiurare gli attacchi mortali perpetrati contro l’ecosistema globale e l’ambiente, in questo ultimo secolo. Una Dittatura Etica, applicata ai comportamenti umani, indotta dalle circostanze, irrinunciabile, ineludibile e necessaria, che escluda dalla nostra vita e quotidianità, tutto ciò che contenga controindicazioni, interazioni, effetti collaterali; tutto ciò che porti alla dipendenza, all’assuefazione, o agisca in un modo o nell’altro sulle debolezze e i lati peggiori degli individui, al solo scopo di trarne profitto, privilegi e potere.

Le forme di degenerazione, ascrivibili al potere delle banche, finanziario, politico, mediatico e imprenditoriale, sono gli effetti più evidenti e grossolani (sterco del Liberismo) di un Sistema che ha pianificato la sua strategia di controllo di massa sulla totale assenza di etica. Ogni nostra azione e operazione, volte a denunciarne le responsabilità, risulta inefficace se, prima di ogni altra cosa, non vengono ristabiliti dentro ognuno di noi quei principi e valori che ci permettono di scindere il bene dal male, il giusto dall’iniquo, la licenza dalla libertà. Una condizione di oggettività in grado di consegnarci un quadro preciso della realtà contingente, e che ci consente di rivedere i nostri comportamenti irrazionali, per trasferirli nella sfera della ragionevolezza e del buon senso.

Ma come può l’uomo di quest’epoca dissennata, riappropriarsi di quei principi etici e valori, non conoscendone l’esistenza, se non uno sbiadito ricordo impressionato fra le pieghe di una memoria compromessa dal consumo e dalla soddisfazione in tempo reale di beni e bisogni effimeri, che non da spazio ad alcun giudizio critico di sorta e personalismo, proprio perché avulsa da ogni parametro di riferimento e di comparazione?

Pensare che oggi sia il singolo individuo a recuperare quell’impianto etico di base che un tempo regolava, monitorava e armonizzava i comportamenti umani evitandone le degenerazioni, è una grossolana ingenuità. Un’operazione impraticabile che presume ancora l’esistenza di un impianto etico momentaneamente accantonato, ma in grado di essere riesumato a nuova vita, qualora, le straordinarie circostanze e le contingenze del momento lo richiedessero.

Per questo ho sempre auspicato un ritorno alla Madre Terra, come la sola via di uscita da una condizione talmente innaturale, che sconfina bene al di la, dei limiti della comprensione umana.

Si afferma che lo Stato Liberale si fonda sulla supremazia del diritto e della libertà dell’uomo, attraverso l’equilibrio così raggiunto dei diritti, per porre i cittadini nella condizione di educare se stessi. Niente di più vergognosamente falso e depistante!

Lo Stato Liberale, all’opposto, è teso ad uniformare le coscienze, ritenendo il libero arbitrio, un vero e proprio impedimento al suo piano di omologazione degli individui che, nella pratica coerenza dei valori, principi e doveri tendono a vanificare il commercio dei beni effimeri e illeciti. Il senso di colpa, che un tempo interveniva sulle scelte e i comportamenti, limitandone gli eccessi, è stato miseramente scalzato e surrogato dal “tutto è relativo” come nuovo slogan del Sistema Potere, assurto oggi a dogma assoluto e irrinunciabile delle società consumiste, masochiste occidentali.

Con la “tecnicizzazione della distruzione” poi, avviene la rimozione del “riconoscimento affettivo completo per quello che si sta facendo” e perciò, la sua razionalizzazione.

All’interno della società di massa, l’Ideologia della Distruzione (necrofilia) subisce una sorta di evoluzione. La sua correlazione con le percezioni sensoriali dirette, come l’olfatto, il tatto, il gusto diventa sempre più modesta, fino a scomparire del tutto. Gli interessi dell’uomo si trasferiscono da ciò che è naturale, spontaneo, vivo ed umano, a ciò che è artificiale, meccanico, divertente ma non gioioso e appagante – bensì frustrante. La sessualità diventa una capacità tecnica, i sentimenti sono appiattiti e talvolta sostituiti col sentimentalismo.

Il controllo assoluto dell’ambiente circostante, finalmente è raggiunto grazie alla tecnica, si espande a tal punto da inglobare la vita stessa dell’individuo, che a sua volta, verrà controllato dalle macchine da lui create e assemblate – infernali strumenti di produzione in serie dalle controindicazioni apocalittiche che, proprio in virtù del loro scopo finale, prescindono da ogni codice etico, funzionale al bene comune e alla tutela dell’ambiente.

Il carattere distruttivo dell’uomo, assume poi dimensioni planetarie, paradossalmente proprio per colpa dell’aumentare della sua conoscenza tecnica. Una distruttività che non si limita al presente, ma che è rivolta a un ipotetico futuro.

Le leggi, gli ordinamenti e le costituzioni, sono stati pensati e scritti, per contrastare l’eccezionalità dei comportamenti umani, antitetici ai principi e ai valori, precostituiti all’origine e antisociali. Quando l’eccezione diventa la regola, tutto l’impianto etico perde la sua forza originaria mortificandone i presupposti e le finalità. In questa condizione, tutto viene relativizzato, e la verità cessa di essere parametro di riferimento e obiettivo da perseguire, ma subalterna al mero interesse particolare.

Secondo Thomas Hobbes, non c’è ragione plausibile per cui un uomo, anche se più saggio, debba comandare, e un altro debba obbedire, poiché questa presunzione di un’originaria ineguaglianza, se istituita a priori come teoria antropologica di fondo, consentirebbe agli uomini di costruirsi rapporti di gerarchia sociale ingiusta, ed immediatamente smentita dai fatti. Gli uomini – continua – troveranno regole comuni, sacrificheranno parte della loro libertà in cambio della tutela e del rispetto delle regole stabilite, stilate nero su bianco su un contratto sottoscritto, e faranno riferimento ad un unico grande rappresentante istituzionale, il Leviatano, che rappresenta per Hobbes la forza gigantesca di tutti coloro che hanno sottoscritto il contratto e che formano lo Stato, l’unità corporale di questo. Per questo Hobbes è anche considerato il principale teorico dello Stato Assoluto – Assolutismo.

Lo stato nasce da un compromesso in cui ognuno accetta di limitare la sua libertà fin dove non sconfina nella sfera altrui, per potere esercitare delle altre libertà che senza lo stato resterebbero di diritto ma non di fatto, soltanto sulla carta del contratto sociale

Hegel riteneva la politica superiore alla morale individuale, poiché lo Stato era da lui considerato l’unica realtà etica nella cui eticità si attuava la libertà del cittadino.

“Stato Etico” non significa Stato che riconosce una morale naturale e oggettiva, bensì Stato che crea la morale; “etico” in quanto pone se stesso come fonte dell’etica; “etico” in quanto incapace di lasciarsi giudicare e quindi ammettere un giudizio al di fuori di sé.

C’è un secondo punto da tener presente. Spesso si crede che uno Stato che si ponga in maniera neutra rispetto alle varie visioni della vita, sarebbe l’antidoto a qualsiasi deriva di “Stato etico”. Niente affatto: come dimostra la dominante dittatura del relativismo, il rifiutare qualsiasi giudizio, già è prediligere una ben precisa visione della vita, ovvero quella di non avere alcun giudizio.

Pertanto, lo Stato Liberale è maschera del nazi/fascismo. Ancora peggiore, perché commercializza licenza per diritto e accredita la menzogna a regola relazionale, ritenendole e sdoganandole come sinonimi di libertà!!

La sua fase successiva, inevitabile, sarà dunque lo Stato Etico Assoluto, o più esattamente, un Regime Etico.

E da qui non si scappa!

Se vuoi approfondire questo argomento segui il link: Oltrelacoltre: DALLA DITTATURA DEL RELATIVISMO ALLO STATO ETICO

Argomenti trattati: 832 | Lotta al signoraggio bancario: lo strapotere di banca e finanza nella vita reale.
Altre informazioni inerenti Oltrelacoltre: DALLA DITTATURA DEL RELATIVISMO ALLO STATO ETICO:

http://signoraggio.it/index.php?option=com_ijoomla_rss&act=xml&sec=1&feedtype=RSS2.0
Notizie

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi