Nella Piramide di Cheope c’è una stanza segreta: forse è quella del tesoro millenario

Nella Piramide di Cheope c’è una stanza segreta: forse è quella del tesoro millenario
Nella Piramide di Cheope c’è una stanza segreta: forse è quella del tesoro millenario

Quasi cinquemila anni dopo non ha ancora smesso di stupire. La Piramide di Cheope, in Egitto, continua a raccontare storie e svelare antichi segreti. Una squadra di archeologi e scienziati internazionali ha scoperto una nuova cavità segreta all’interno della famosa piramide, lunga 30 metri e alta 15, che si trova poco sopra la Grande Galleria che conduce alla Camera del Re. A dare l’annuncio la rivista scientifica Nature, creando scompiglio tra gli egittologi di mezzo mondo, che hanno già riattivato la domanda delle domande: questa stanza segreta conterrà il tesoro che da millenni si cerca nella piramide?

Tante sono le domande a cui ancora non è stata data risposta e a cui la scoperta degli scienziati potrebbe dare risposta: si troverà la tomba di Cheope, la cui mummia non è mai stata ritrovata? Rivelerà finalmente i misteri della costruzione del più imponente edificio dell’antichità? Mehdi Tayoubi, presidente dell’Heritage Innovation Preservation del Cairo che ha avviato la ricerca invita tutti ad essere prudenti: “Ci sono molte teorie, alcune pazze e altre ragionevoli, ma è troppo presto per qualunque conclusione.”

Il professor Tayoubi ha fondato anni fa lo Scan Pyramids Project, un’iniziativa il sui scopo è compiere ricerche sulle tre piramidi della piana di Giza senza ricorrere a pratiche invasive. Scienziati giapponesi e francesi hanno unito le loro conoscenze per effettuare uno scanner della Grande Piramide intercettando i muoni, particelle subatomiche generate dal contatto dei raggi cosmici con gli atomi dell’alta atmosfera. Come i raggi X di una radiografia, i muoni sono disturbati dai solidi come i blocchi di granito, e si muovono in maggiore quantità negli spazi liberi.

Gli egittologi ritengono che la piramide sia stata costruita come tomba per il faraone Khufu (Cheope in Greco), IV dinastia, per un periodo dai 10 ai 20 anni, concludendosi attorno al 2560 a.C. Secondo alcuni fu realizzata dall’architetto reale Hemiunu. Inizialmente alta 146,6 metri, la Grande Piramide è stata la più alta struttura artificiale del mondo per oltre 3800 anni, fino a circa il 1300 d.C., quando fu costruita la Cattedrale di Lincoln in Inghilterra.

In origine, la Grande Piramide era coperta da un rivestimento in pietra che formava una superficie esterna liscia; ciò che si vede oggi è la struttura di base sottostante. Alcune delle pietre del rivestimento che un tempo ricoprivano la struttura sono ancora visibili attorno alla base. Ci sono state diverse teorie scientifiche e alternative circa le tecniche di costruzione della Grande Piramide. Le ipotesi di costruzione più accreditate si basano sull’idea che la piramide sia stata edificata spostando da una cava enormi blocchi che una volta trascinati siano stati sollevati in posizione.

Fonte: Nella Piramide di Cheope c’è una stanza segreta: forse è quella del tesoro millenario

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi