Morbo di Alzheimer: la cura nella proteina che lo causa, la Amyloid Precursor

Un gruppo di biochimici ha scoperto che la proteina Amyloid Precursor Proteine responsabile della malattia debilitante può anche assumere un ruolo nella sua cura. Secondo i ricercatori dell’Università della Tasmania, in Australia, questa scoperta getta una nuova luce sul morbo di Alzheimer e offre speranze per i malati, sempre …

Morbo di Alzheimer: la cura nella proteina che lo causa, la Amyloid Precursor

AlzheimerUn gruppo di biochimici ha scoperto che la proteina Amyloid Precursor Proteine responsabile della malattia debilitante può anche assumere un ruolo nella sua cura. Secondo i ricercatori dell’Università della Tasmania, in Australia, questa scoperta getta una nuova luce sul morbo di Alzheimer e offre speranze per i malati, sempre più numerosi nelle società avanzate offrendo importanti spunti per la messa a punto di nuovi farmaci per prevenirne la diffusione. Infatti questa proteina sarebbe importante per la crescita dei neuroni. Il capo del team, il dottore David Small, ha spiegato che sarà forse possibile usarla per incoraggiare il cervello a rimpiazzare le cellule danneggiate.

Una notizia che secondo Giovanni D’Agata, Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti” non deve rimanere circoscritta al ristretto mondo della scienza, ma dev’essere conosciuta anche dai profani, affinché la ricerca stessa sia spronata nell’incessante studio per debellare questa grande piaga che incombe sull’umanità.

Lecce, 19 giugno 2013

Giovanni D’AGATA

Per questa news ringraziamo:

Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Morbo di Alzheimer: la cura nella proteina che lo causa, la Amyloid Precursor

Morbo di Alzheimer: la cura nella proteina che lo causa, la Amyloid Precursor

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi