Maria Callas e la Scala, una storia d’amore senza fine

Maria Callas e la Scala, una storia d’amore senza fine
Maria Callas e la Scala, una storia d’amore senza fine

Nel quarantennale della scomparsa di Maria Callas, il Teatro alla Scala ricorda il grande soprano con la mostra “Maria Callas in scena – Gli anni della Scala” a cura di Margherita Palli e con un incontro giovedì 14 settembre alle ore 20.30. Difficile riuscire a raccontare in una sola serata tutti gli aspetti di una figura così fondamentale nella storia della lirica, fondamentale nel segnare uno spartiacque nell’interpretazione vocale e scenica, restituendo verità drammatica a un vastissimo repertorio.

Da De Sabata a Gavazzeni, da Karajan a Bernstein, fino ad arrivare a Giulini, Visconti, Zeffirelli, Margherita Wallmann, tutti gli incontri della divina Maria Callas al Teatro alla Scala di Milano, che hanno dato all’eccezionale temperamento e all’altrettanto eccezionale intelligenza dell’artista la possibilità di formarsi e dare origine a una serie di interpretazioni epocali.

La serata, condotta dal caporedattore Cultura di Rainews24 Fabio Cappelli, è aperta dall’intervento del musicologo Jacopo Pellegrini, curatore di un recente volume sull’artista, che propone alcuni spunti di riflessione sulle ragioni, innanzitutto musicali, dell’unicità della Callas.

Diverse le rievocazione dell’infinita storia d’amore tra la Callas e la Scala di Milano, attraverso le grandi e memorabili interpretazioni della “Lucia di Lammermoor” diretta da Herbert von Karajan nel 1954, oppure il suo capolavoro buffo “Il turco in Italia” che sarà raccontata da Filippo Crivelli, assistente di Zeffirelli. Ancora del 1955 è “La traviata” diretta da Carlo Maria Giulini con la regia di Visconti.

La serata di domani 14 settembre comprenderà alcune testimonianze video storiche, e due nuovi contributi: un intervento del soprano Raina Kabaivanska e un’anteprima del documentario di RaiStoria “Ricordando Maria Callas” curato da Enrico Salvatori che ricostruisce il primo omaggio della Scala al grande soprano a un mese dalla sua scomparsa nel 1977.

Fonte: Maria Callas e la Scala, una storia d’amore senza fine

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi