Lo Stato che consuma più vino? Il Vaticano

Un record particolare, strano e soprattutto difficile da credere. Secondo uno studio condotto dal California Wine Institute nel 2012 il Vaticano si conquista il primato di vino consumato a testa. A persona ben 74 litri: si parla di una cifra pazzesca, calcolando che il numero di persone che ci vivono si fermano …

Lo Stato che consuma più vino? Il Vaticano

vinoUn record particolare, strano e soprattutto difficile da credere. Secondo uno studio condotto dal California Wine Institute nel 2012 il Vaticano si conquista il primato di vino consumato a testa. A persona ben 74 litri: si parla di una cifra pazzesca, calcolando che il numero di persone che ci vivono si fermano solo a 836. Tra tutti i Paesi rinomati per i vini e anche per il consumo questo dato fa pensare a qualcosa di tralasciato. Infatti…

IL TRUCCO – La spiegazione arriva direttamente dagli esperti di “vino vaticano” che si sono subito dati da fare per risolvere l’arcano. Forse l’analisi dei dati non tiene conto del fattore “tasse”. I prodotti che vengono venduti nel supermercato vaticano, infatti, godono di una tassazione speciale e, paragonandoli ai prezzi dell’Italia non c’è paragone. In un periodo di crisi economica ai cittadini che capitano nei pressi di Roma basta ben poco per comprare vino a un prezzo decisamente accessibile. C’è anche da dire che la qualità delle bottiglie proposte è anche abbastanza alta e, quindi, associandola al costo diventa molto invitante. L’Italia, adesso, fuori dalla Top Ten piange il dato del “vino vaticano” (TgCOM)

Per questo articolo ringraziamo:

Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Lo Stato che consuma più vino? Il Vaticano

Lo Stato che consuma più vino? Il Vaticano

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi