Leggo: BENZINAIO SUICIDA IN FRIULI PER LA CRISI.

Leggo: BENZINAIO SUICIDA IN FRIULI PER LA CRISI.

Notizie

benzinaioUDINE – Una morte assurda, inattesa, difficile da comprendere, quella di Claudio Franchini, 40 anni, che ha deciso di porre vita alla sua esistenza per problemi, secondo quanto riferiscono i carabinieri, legati alla sua attività commerciale. Da pochi mesi assieme ad un socio aveva rilevato il distributore Ip sulla Napoleonica a Flambro di Talmassons. Un’area di servizio proprio di fronte a un ristorante.
TUTTO ANNUNCIATO Franchini ha annunciato il suo gesto con alcuni messaggi via sms alle persone che gli erano più care alle quali ha confessato l’impossibilità ad affrontare i problemi che lo affligevano. A casa lo attendeva il padre. Ed è stato proprio quest’ultimo ad andare incontro alla dura realtà che si è trovato davanti nel capannone dove Claudio montava e smontava pneumatici.
LE TELECAMERA HANNO FILMATO TUTTO Un gesto documentato in parte dalle telecamere della videosorveglianza. Un filmato nel quale, i carabinieri di Mortegliano, titolari delle indagini, hanno avuto la certezza che Claudio è arrivato da solo nell’area di servizio, chiusa domenica per turno di riposo. Claudio, fisico atletico, campione indiscusso della motonautica, ha fatto sapere le sue intenzioni troppo tardi, quando oramai la sua auto aveva puntato dritta verso quel capannone. All’arrivo dei carabinieri e del 118, la tragedia si era già consumata. La salma è stata trasferita nel cimitero di Talmassons.
LO STRAZIO DELLA FAMIGLIA Lascia nel dolore i famigliari, la sua compagna e un bimbo di pochi mesi. A Marano Lagunare dove Claudio viveva, ovviamente tutti sono stati colti di sorpresa dalla notizia, in particolare quel mondo della motanautica che era il suo mondo. E tra questi Roberto Del Pin, adesso 48enne, ma grande campione di questo sport, come il figlio David: «Era stato a suo tempo il mio aiuto-meccanico – ricorda Del Pin senior – collaborando allora con il club Tuttamarano prima che andasse a costituire la Motonautica Cjarlins. Ci incontravamo spesso. Di recente mi aveva confessato di volersi sottoporre, assieme a mio figlio, ai test per riottenere la licenza di guida in Formula 1000. Poi, però, non ne fece alcunchè». E conclude sconsolato: «L’ho incontrato tre giorni fa. Impensabile fosse alla vigilia di una decisione tanto drammatica. Nulla lasciava infatti intuire qualcosa del genere».

Se vuoi approfondire questo argomento segui il link: Leggo: BENZINAIO SUICIDA IN FRIULI PER LA CRISI.

Argomenti trattati: 832 | Lotta al signoraggio bancario: lo strapotere di banca e finanza nella vita reale.
Altre informazioni inerenti Leggo: BENZINAIO SUICIDA IN FRIULI PER LA CRISI.:

http://signoraggio.it/index.php?option=com_ijoomla_rss&act=xml&sec=1&feedtype=RSS2.0
Notizie

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi