La Cina invade l’Africa costruendo “città fantasma”, scopriamo il perchè

Dal 2012 la Cina sta investendo molto sul settore edilizio in alcune aree africane. Enormi palazzi di frabbricazione cinese emergono in nuove cittadine semi deserte capaci di ospitare mezzo milione di abitanti. Ma se le città risultano almeno per ora quasi del tutto inabitate, per quale motivo la prima potenza economica…

La Cina invade l’Africa costruendo “città fantasma”, scopriamo il perchè

Cidade de Kilamba
Dal 2012 la Cina sta investendo molto sul settore edilizio in alcune aree africane. Enormi palazzi di frabbricazione cinese emergono in nuove cittadine semi deserte capaci di ospitare mezzo milione di abitanti. Ma se le città risultano almeno per ora quasi del tutto inabitate, per quale motivo la prima potenza economica del mondo sta investendo su questo settore dall’altra parte del mondo, nel continente africano? Stando ad alcune fonti, la Cina avrebbe vinto alcuni appalti per realizzare cittadine a basso costo per la popolazione africana, ma in base ad analisi e reportage giornalistici, si è scoperto che queste risultano troppo costose per i popoli africani, il tutto mentre i governanti cinesi stanno progettando di trasferire 300 milioni di cittadini cinesi in Africa per risolvere il problema della sovrappopolazione e del consumo eccessivo delle risorse nel continente d’origine. Ma andiamo con ordine, passiamo ad un primo articolo pubblicato nel 2012 dalla BBC:

Arroccate in un posto isolato a 30 chilometri (18 miglia) al di fuori della capitale dell’Angola, Luanda, Nova Cidade de Kilamba è un nuovissimo misto sviluppo residenziale di 750 otto piani condomini, una dozzina di scuole e più di 100 unità di vendita al dettaglio.

Progettato per ospitare fino a mezzo milione di persone, quando sarà completata, Kilamba è stata costruita dalla statale China International Trust and Investment Corporation (CITIC) in meno di tre anni ad un costo riportato di 3,5 miliardi di dollari.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

5.000 ettari (12.355 acri), lo sviluppo è la più grande delle numerose nuove “città satellite” ad essere costruite da ditte cinesi in giro per l’Angola, e si crede possano essere uno dei più grandi progetti di nuova costruzione sul continente.

“E ‘molto tranquillo, molto più calmo rispetto alle altre città, non c’è criminalità” afferma Sebastiao Antonio, studente a Kilamba.

Dopo la ricostruzione nel dopoguerra dell’Angola, Kilamba è la star del governo con video promozionali lucidi che mostrano famiglie sorridenti che godono di un nuovo stile di vita lontano dalla polvere e dalla confusione del centro di Luanda, dove milioni di persone vivono in baraccopoli tentacolari.

Ma la gente in questi film sono solo gli attori, e nonostante tutto l’hype, quasi un anno da quando il primo lotto di 2.800 appartamenti è andato in vendita, solo 220 sono stati venduti.

Quando si visita Kilamba, non si può fare a meno di chiedersi se anche solo un terzo di questi acquirenti si siano effettivamente trasferiti.

Cidade de Kilamba

Il posto è stranamente tranquillo, voci rimbalzando tutto il calcestruzzo fresco e le strade spalancate asfaltate.

Ci sono pochissime auto e ancor meno persone, solo decine di righe ripetitive di palazzi multicolori, le persiane sigillate ed i loro balconi vuoti.

Solo una manciata di unità commerciali sono occupati, per lo più da aziende di servizi pubblici, ma non ci sono negozi reali in loco, e così – con l’eccezione di un nuovo ipermercato situato in una entrata – non c’è posto per comprare il cibo.

Dopo aver guidato per quasi 15 minuti e vedendo nessuno a parte lavoratori cinesi, molti dei quali sembrano vivere in container accanto al sito, i giornalisti della BBC si sono imbattututi in una piccola tasca di vita in una scuola.

Si è aperto sei mesi fa, un centro per giardinieri nelle zone periferiche, perché in questo modo potranno accudirei loro figli.

Uno studente, un ragazzo di 17 anni chiamato Sebastiao Antonio che trascorre quasi tre ore al giorno nel traffico da e per le classi dalla sua casa a 15km ha riferito che la città è molto bella.

“Mi piace molto questo posto – ha molti parcheggi auto, ci sono posti dove giocare a calcio, basket e pallamano”.
“E ‘molto tranquillo, molto più calmo rispetto alle altre città, non c’è criminalità.”

Ma quando gli se lui i è stato chiesto se lui e la sua famiglia si sarebbero trasferiti lì, si è messo a ridere.

“Assolutamente no, non possiamo permetterci questo. ‘Impossibile. E non c’è lavoro per i miei genitori qui,” ha detto.

I suoi sentimenti sono stati ripresi da Jack Francisco, 32 anni, che ha iniziato il lavoro a Kilamba come spazzino quattro mesi fa.

“Sì, è un bel posto per certo”, ha detto.

Ma poi ha sospirato: “Per vivere qui, avrete bisogno di un sacco di soldi, la gente come noi non ha soldi a sufficienza per poter vivere qui.».

Gli appartamenti Kilamba vengono pubblicizzati on line al costo tra i 120.000 e i 200.000 dollari – fuori dalla portata dei circa due terzi di angolani che vivono con meno di 2 dollari al giorno.

Tuttavia, Paulo Cascao, General Manager alle Delta Imobiliaria, l’agenzia immobiliare per la gestione delle vendite, ha detto alla BBC che il problema non è il prezzo, ma la difficoltà di accesso al credito bancario.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

“I prezzi sono corretti per la qualità degli appartamenti e per tutte le condizioni che la città può offrire,” ha detto. In parole povere, c’è difficoltà ad accedere ai mutui.

“Non c’è classe media in Angola, solo i più poveri ed i più ricchi, e quindi non c’è nessuno che compra questi tipi di case”.
cinese Nova Cidade de Kilamba in Africa
“Le vendite stanno andando via lentamente a causa della difficoltà di ottenere mutui.”

Una nuova opera quadro normativa è stato recentemente introdotto per consentire alle banche locali di dare mutui, ma per la maggior parte degli angolani, anche i pochi con lavori d’ufficio ben pagati, non trovano abbastanza denaro per un deposito.

“Il governo deve iniziare a dare la priorità alla costruzione di alloggi a basso costo, perché gran parte della popolazione vive in baracche senza acqua, elettricità e servizi igienici,” afferma alla BBC Elias Isaac, Direttore del paese presso l’Ufficio angolano dell’iniziativa Open Society of Southern Africa ( OSISA).

“Non c’è classe media in Angola, solo i più poveri ed i più ricchi, e quindi non c’è nessuno che comprare questi tipi di case.”

Secondo il sig Cascao, il governo ha recentemente annunciato che una parte degli appartamenti a Kilamba sarà designato per l’edilizia sociale, così che persone a basso reddito possono noleggiare a lungo termine a prezzi bassi.

Nessuno è abbastanza sicuro di come tale sistema possa funzionare o che sono ammissibili, e cinici hanno respinto come un bravata in vista delle elezioni parlamentari previste per il 31 agosto 2012.

C’è anche la questione di ciò che accadrà a tutti gli appartamenti full-cost se non vendono.

Kilamba è stato finanziato da una linea di credito cinese – che l’Angola sta rimborsando con olio – così è stato tecnicamente pagato.

Ma se le case vanno invendute, allora il governo angolano sarà lasciato con il brodo sulle loro mani e un investimento potenzialmente sprecato.

Manuel Clemente Junior, vice ministro costruzione dell’Angola, strenuamente difeso il regime e ha detto che sarebbe sicuramente un successo – anche se lui sembrava convinto che fosse possibile acquistare un appartamento per 80 mila dollari, molto meno di quanto pubblicizzato.

“E ‘con assoluta certezza, un progetto eccellente”, ha detto alla BBC.

José Eduardo dos SantosRispondendo alle lamentele di Kilamba, ha detto: “Ci sono sempre persone che criticano ma grazie alle nuove autostrade che vengono costruite, come un luogo che è solo andare a essere circa 15 a 20 minuti dal centro della città.”

La città di Kilamba è un progetto faro del governo che va in qualche modo ad aiutare il presidente José Eduardo dos Santos compiere il suo famoso impegno elettorale per costruire un milione di case in quattro anni.

Allan Cain, capo della Development Workshop un’organizzazione angolana ma non governativa specializzata nella riduzione della povertà urbana, ha accolto con favore l’investimento, ma: “Quello che abbiamo sostenuto è un programma di potenziamento in situ, dove la gente vive, qualcosa che è considerato essere la migliore prassi internazionale”.

“Non credo che molte comunità al mondo possano permettersi realmente di spostare intere popolazioni delle città.” (Fonte: www.bbc.co.uk).

Passiamo al DailyMail che parla così dell’influenza cinese sullo stato africano:

Hanno anche bandiera per la fornitura di miliardi ogni anno in prestiti agli stati del continente, che estende la politica cinese così come la sua influenza economica.

Si sta vedendo nei lavoratori neri locali, pagati una miseria o spinti completamente a favore di lavoratori cinesi.

E i negozi africani ora sono inondati di prodotti cinesi a basso costo.

La spinta della Cina in Africa si dice ricordi la mossa imperiale dell’Occidente nei secoli 18 ° e 19 °, ma su una scala molto più drammatica e determinata.

Sul lavoro Un operaio edificio cinese in ZambiaI governanti cinesi credono che l’Africa può diventare uno stato ‘satellite’, risolvendo i problemi di sovrappopolazione e la scarsità delle risorse naturali cinesi in un solo colpo.

Con poco clamore, l’incredibile cifra di 750.000 cinesi si sono stabiliti in Africa negli ultimi dieci anni. E più si crede di essere sulla loro strada.

La strategia è stata accuratamente messa a punto da funzionari di Pechino, dove un esperto ha stimato che la Cina finirà col l’inviare 300 milioni di persone in Africa a risolvere i problemi di sovrappopolazione ed inquinamento.
I piani appaiono in pista. In tutta l’Africa, la bandiera rossa della Cina sta volando. Affari lucrosi sono stati colpiti ad acquistare le sue materie prime: petrolio, platino, oro e minerali.

Nuove ambasciate e delle vie aeree si stanno aprendo. Nuova élite cinese del continente può essere visto ovunque, come shopping presso i propri negozi costosi, consessionari Mercedes e BMW limousine e scuole private esclusive.

Le strade pot-forata sono ingombrate con gli autobus cinesi, prendendo la gente per i mercati pieni di merci cinesi a basso costo. Più di mille chilometri di nuove ferrovie cinesi che attraversano il continente, portando illegalmente miliardi di tonnellate legname, diamanti e oro.

I treni sono collegati ai porti disseminati lungo la costa, in attesa di portare la merce a Pechino dopo lo scarico di giocattoli a buon mercato made in Cina.

Istituti i Confucio (“centri culturali” cinesi finanziati dallo Stato) sono sorti in tutta l’Africa, lontani come i piccoli paesi del Burundi e del Ruanda sbocco, e insegnano alla gente locale sconcertata come fare affari in mandarino e cantonese.La Cina invade l’Africa costruendo “città fantasma”, scopriamo il perchè

Imponenti dighe sono in costruzione, inondazioni riserve naturali. Il terreno è segnato con miniere cinesi giganti, con i lavoratori “schiavi” pagati a meno di 1 dollaro al giorno per estrarre il minerale e minerali.

Foreste incontaminate vengono distrutte, con la Cina che ora possiede il 70 per cento di tutto il legname dall’Africa.

In tutto questo grande continente, la presenza cinese è gonfiore in un diluvio. L’Angola ha una propria ‘Chinatown’, come fanno le grandi città africane come Dar es Salaam e Nairobi.

Locali esclusivi che servono solo cibo cinese, e dove i neri sono ammessi, sono in costruzione in tutto il continente. «panni africani venduti nei mercati del continente sono ormai quasi sempre importati, recante la leggenda: ‘Made in China’. (Fonte: www.dailymail.co.uk).

A dimostrazione che la Cina fa sul serio, vi è anche una notizia più recente che riguarda un altro stato africano: la Nigeria. Nel corso del 2013, attraverso una tattica molto simile a quella adottata in Angola, la Cina presta 3 miliardi di dollari alla Nigeria per costruire infrastrutture nel paese più popoloso dell’Africa. L’accordo viene effettuato durante l’incontro tra il premier cinese Li Keqiang e il presidente nigeriano Goodluck Jonathan dove hanno parlato di un “rilancio dei legami bilaterali e di interesse commerciale nel settore petrolifero della Nigeria”. Il ministro delle finanze nigeriano ha detto che i prestiti concordati sarebbero venuti dal governo cinese e sarebbero basati sui tassi di interesse inferiori a tre per cento su un periodo di 15-20 anni. Nel corso degli anni, le imprese cinesi saranno coinvolte in vari progetti di trasformazione della Nigeria. Riporta la Heritage Foundation che la Nigeria ha più di 15 miliardi di dollari di investimenti netti provenienti dalla Cina. Qui un servizio giornalistico:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Ufficialmente quindi, l’impegno della Cina nei confronti dell’Africa sembra sia basato sullo sviluppo della popolazione originaria, ma nei dettagli sorgono invece dimostrazioni poco rassicuranti nei confronti dei poveri stati già colpiti dalla spietatezza della colonizzazione prima geografica e poi economica da parte dei paesi occidentali che oggi sono invece vittime di una crisi economica scaturita e finanziaria dello stesso sistema economico che ha permesso loro uno sviluppo basato in molti casi dal consumo delle risorse non rinnovabili. Ora la Cina, sembra abbia semplicemente cavalcato l’onda del sistema occidentale trasformandosi da paese chiuso su se stesso con una politica spietata a superpotenza economica in grado di fare accordi con qualsiasi stato del pianeta, scambiando favori e prestiti in cambio di risorse prime e forza lavoro. Tutto forse è causa di un sistema malato alla radice causato dai popoli occidentali, che hanno per secoli influenzato culture basate su altri valori ma che oggi evidentemente si adattano in maniera incredibile alla drammatica situazione di una “crescita” del lavoro e della vendita che in molti casi è al di sopra dell’importanza del diritto alla vita e alla dignità umana. Speriamo di sbagliarci e di poter vedere invece che la Cina possa contribuire ad uno sviluppo sostenibile senza compromettere le popolazioni africane e che questo possa essere l’inizio di qualcosa di buono. Ad ogni modo le “città fantasma” non sono un buon segno e forse non andrebbero finanziate.

Alcune immagini sono tratte dal sito: www.wnd.com

Per questo post ringraziamo:

Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

La Cina invade l’Africa costruendo “città fantasma”, scopriamo il perchè

La Cina invade l’Africa costruendo “città fantasma”, scopriamo il perchè

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi