Il Piano segreto per il futuro dell’umanità nello spazio

Il 14 gennaio 1918, sei anni prima che cominciassero i primi esperimenti al mondo di razzi con liquido combustibile, Robert H. Goddard, uno dei pionieri della missilistica moderna, scrisse un saggio intitolato “The Ultimate Migration.” Ha chiesto ad un amico di tenerlo in cassaforte, nascosto in una busta sigillata con …

Il Piano segreto per il futuro dell’umanità nello spazio

Robert H GoddardIl 14 gennaio 1918, sei anni prima che cominciassero i primi esperimenti al mondo di razzi con liquido combustibile, Robert H. Goddard, uno dei pionieri della missilistica moderna, scrisse un saggio intitolato “The Ultimate Migration.” Ha chiesto ad un amico di tenerlo in cassaforte, nascosto in una busta sigillata con l’etichetta “Schema di alcune note sulla High Altitude Research.”

In questo documento segreto, Goddard ha dichiarato di “aver speculato per l’ultima migrazione della razza umana, in quanto costituita da un certo numero di spedizioni inviate nelle regioni di stelle fittamente distribute, tenendo in una forma condensata tutta la conoscenza della razza, utilizzando sia l’energia atomica o idrogeno, l’ossigeno e l’energia solare. All’interno della busta con il singolare documento vi era una scrittura interna dove vi era scritto che “il presente documento deve essere letto solo da un ottimista.”

Non sembra sia andato in stampa fino al novembre 1972. In quattro pagine di manoscritto, Goddard ha considerato “l’eventuale abbandono del sistema solare dall’umanità”, quando il sole e la terra si raffredderanno a tal punto che la vita non sarà più possibile …”

“Sarà possibile”, Goddard ha chiesto, “recarsi su pianeti che ruotano attorno alle stelle fisse, quando il Sole e la Terra si raffredderanno a tal punto che la vita non sarà più possibile sulla Terra?” Goddard spera che la scoperta di “energia intra-atomica” possa essere la chiave per questa ipotetica migrazione. E se questo si rivelerà impossibile, ha pensato che potrebbe “essere possibile ridurre il protoplasma nel corpo umano allo stato granulare, in modo che possa sopportare il freddo intenso dello spazio interstellare.” Gli organismi dovrebbero essere liofilizzati prima, “prima che questo stato possa essere prodotto, il risveglio può essere fatto molto lentamente.” Goddard ha suggerito che una razza speciale di umani potrebbe essere deliberatamente creata appositamente per questo scopo.

E se ridurre gli esseri umani a una polvere non sarà fattibile, Goddard pensava che un “protoplasma granulare,” potrebbe essere lanciato nello spazio interstellare, “questo protoplasma sarà di natura tale da produrre esseri umani alla fine, con l’evoluzione.”
Robert  Goddard
Se “l’energia intra-atomica” potrebbe essere sfruttata, “il trasporto interstellare potrà essere una questione relativamente semplice.” La famigerata velocità della luce si tradurrebbe in “un ragionevolmente breve viaggio.” Per la navicella, Goddard pensava che “un asteroide o una piccola luna” potrebbero essere adattati. Ma dopo un viaggio della durata di generazioni, ciò che alla fine è arriverà a destinazione potrebbe non essere pienamente umano. “C’è la possibilità,” scrisse Goddard, “che dopo molte migliaia di anni, le caratteristiche e la natura dei passeggeri potrebbero cambiare, con le generazioni successive.”

E se il nucleare si rivela impossibile, l’umanità avrebbe dovuto ripiegare su combustibili chimici o vele solari. Voli a stelle lontane, tuttavia, potrebbe richiedere migliaia o addirittura milioni di anni. Il pilota di una nave, Goddard ha suggerito, “dovrebbe essere risvegliato, o animato, ad intervalli, forse di 10.000 anni per un passaggio alle stelle più vicine, e 1.000.000 anni per le grandi distanze, o per altri sistemi stellari.” Una sveglia-radio alimentata sarebbe usata per questo. L’energia per le varie operazioni della nave potrebbe essere prodotta con elementi “radioattivi, piuttosto che, per dire superconduttori, o da sostanze chimiche che possono cambiare con il tempo. Probabilmente sostanze chimiche rimarrebbero molto più inerte a bassa temperatura dello spazio.”

Ma dove sarebbero diretti questi coloni? “La destinazione più desiderabile sarebbe vicino a un grande sole o due soli,” pensò, “su un pianeta come la Terra.” Un pianeta sarebbe selezionato stabile in un ambiente il più possibile, in modo che il genere umano potrebbe continuare la sua evoluzione. E una meta sarebbe stata scelta da che “parte del cielo dove le stelle sono fittamente raggruppate, in modo che un’ulteriore migrazione sarebbe stata facile …”

“Con ogni spedizione”, ha scritto, “dovrebbero essere prese tutte le conoscenze, la letteratura, l’arte (in forma sintetica), e la descrizione degli strumenti, apparecchi e processi, come condensato, la luce, e una forma possibilmente indistruttibile, in modo che una nuova civiltà potrebbe cominciare dove la vecchia è conclusa. ”
Robert Goddard
Potrà mai accadere tutto ciò? Goddard pensava così. “L’unico ostacolo allo sviluppo umano”, egli era convinto, “è l’ignoranza, e questa non è insormontabile.”

Fonte:
io9.com

Per questa news ringraziamo:

Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Il Piano segreto per il futuro dell’umanità nello spazio

Il Piano segreto per il futuro dell’umanità nello spazio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi