Il giusto percorso extrascolastico per i nostri figli

Il giusto percorso extrascolastico per i nostri figli

I ritmi irrefrenabili della nostra società stanno in qualche modo stanno contagiando anche i giovani e i 

giovanissimi. Non a caso, sempre più di frequente vediamo bambini e ragazzi che, finita la scuola, 

dividono i loro pomeriggi tra corsi di calcetto, nuoto, catechismo, lezioni di chitarra, ripetizioni di 

latino e greco, corsi di inglese. Molto probabilmente è un modo, da parte dei genitori, di tirar fuori 

un qualche talento dai propri pargoli, senza però rendersi conto che tanta attività non fa altro che 

aumentare il loro stato di stress.

Per questo motivo è importante trovare una via di mezzo tra 

l’assenza di impegni pomeridiani e un overbooking da attività extrascolastiche. Tuttavia, come si 

può scegliere al meglio, soprattutto in un periodo in cui bisogna stare attenti a come si spendono i 

soldi?

La prima cosa da fare, in ogni caso, è quella di ascoltare attentamente le esigenze dei propri figli. In 

fin dei conti, sono loro che devono avere voce in capitolo, correttamente aiutati nella scelta da voi 

genitori. In questo senso imporre un corso di musica  piuttosto che uno di calcio è il modo migliore 

per rovinare i loro pomeriggi, caricarli di stress e tensione e, infine, sprecare denaro. Chiedetegli se 

hanno una passione e a meno che non sia andare a cavallo o giocare a polo, cercate, secondo le 

vostre possibilità, di accontentarli.

 

Un secondo consiglio da non sottovalutare è quello di indirizzare i vostri figli all’apprendimento 

delle lingue fin da subito, ovviamente senza alcun tipo di pressione e presentando l’attività in 

maniera giocosa e divertente. Specialmente per i più piccoli, la componente ludica in fase 

d’apprendimento ricopre un ruolo fondamentale.

Le lingue straniere, peraltro, sono una chiave di volta necessaria. Nei principali paesi dell’Europa 

settentrionale i bambini di 5 anni conoscono l’inglese meglio di un trentenne italiano, quindi se 

proprio volete indirizzare vostro figlio verso qualcosa di costruttivo, allora un corso di lingua 

inglese è perfetto.Non è mai troppo presto per cominciare.

 

Infine, se si ha a che fare con ragazzi di scuole medie e superiori, magari con qualche difficoltà 

nell’apprendimento e nel conseguire buoni voti, allora la priorità deve essere quella dei risultati 

scolastici: un/a figlio/a bocciato/a non è certamente un figlio/a felice. Se ci sono materie in cui 

stenta a raggiungere la sufficienza, non bisogna in alcun modo temporeggiare. La prima cosa da 

fare in questi casi è scegliere un tutor – per esempio un laureando per risparmiare e disporre di un 

servizio di qualità – e spiegare a vostro/a figlio/a che prima di pensare a qualsiasi altra attività, deve 

recuperare la sufficienza.

 

Seguendo questi brevi e pratici consigli, sarà più semplice e meno dispendioso per voi trovare 

un’attività idonea alle attitudini e ai bisogni dei vostri figli. Inoltre, al contempo sarà possibile 

evitare tanti inutili stress, il più delle volte provocati dalla temutissima “ansia da prestazione”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi