Global Compact dell’Onu

Global Compact dell’Onu

Il Global Compact for Migration è un’iniziativa dell’Onu in cui vengono fissati 23 obiettivi, a cui gli Stati che sottoscriveranno l’accordo dovrebbero mirare. L’Italia non firmerà il Patto.

 

MigrantiIl Global Compact è diventato l’argomento di discussione in Italia. Di cosa parliamo? Il Global Compact for Migration è un’iniziativa dell’Onu che mira all’individuazione di procedure e alla definizione di impegni condivisi da parte della comunità internazionale, al fine di una migliore gestione dei fenomeni migratori a livello globale e della valorizzazione della mobilità umana quale motore dei processi di sviluppo sostenibile. La necessità di un simile strumento era stata evidenziata a settembre 2016, quando era stata adottata la Dichiarazione di New York su migranti e rifugiati.

Il Patto è stato firmato da oltre 190 Paesi e sarà adottato al summit che si terrà a Marrakech, in Marocco, il 10 e l’11 dicembre 2018. Il governo italiano ha annunciato che non sottoscriverà il Global Compact for Migration. Il Partito Democratico ha criticato il governo gialloverde per aver cambiato idea e quasi sicuramente in caso di voto in Parlamento sosterrà la firma del documento. Oltre all’Italia, i paesi europei che non intendono sottoscrivere il Patto sono: Austria, Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca, Croazia, Slovacchia, Slovenia e Bulgaria. Nel Global Compact vengono fissati 23 obiettivi, a cui gli Stati che sottoscriveranno l’accordo dovrebbero mirare.

  1. Raccogliere e utilizzare dati accurati e disaggregati come base per le politiche basate su elementi concreti;

  2. Ridurre al minimo i fattori negativi e i fattori strutturali che costringono le persone a lasciare il loro paese d’origine;

  3. Fornire informazioni accurate e tempestive in tutte le fasi della migrazione;

  4. Garantire che tutti i migranti abbiano la prova dell’identità legale e documentazione adeguata;

  5. Migliorare la disponibilità e la flessibilità dei percorsi per la migrazione regolare;

  6. Agevolare il reclutamento equo ed etico e salvaguardare le condizioni che garantiscono un lavoro dignitoso;

  7. Affrontare e ridurre le vulnerabilità nella migrazione;

  8. Salvare vite umane e organizzare sforzi internazionali coordinati per i migranti dispersi;

  9. Rafforzare la risposta transnazionale al traffico di migranti;

  10. Prevenire, combattere e sradicare la tratta di esseri umani nel contesto della migrazione internazionale;

  11. Gestire i confini in modo integrato, sicuro e coordinato;

  12. Rafforzare la certezza e la sistematicità delle procedure di migrazione per gestire in maniera appropriata screening, valutazione e rinvio;

  13. Utilizzare la detenzione solo come misura di ultima istanza e lavorare per individuare alternative;

  14. Migliorare la protezione consolare, l’assistenza e la cooperazione nel ciclo migratorio;

  15. Garantire l’accesso ai servizi di base per i migranti;

  16. Responsabilizzare i migranti e le società affinché si realizzino la piena inclusione e la coesione sociale;

  17. Eliminare tutte le forme di discriminazione e promuovere un discorso pubblico basato su elementi concreti per modellare la percezione della migrazione;

  18. Investire nello sviluppo delle competenze e facilitare il riconoscimento reciproco delle competenze e delle qualifiche;

  19. Creare condizioni affinché i migranti contribuiscano pienamente allo sviluppo sostenibile in tutti i paesi;

  20. Promuovere il trasferimento più rapido, più sicuro ed economico delle rimesse e favorire l’inclusione finanziaria dei migranti;
  21. Cooperare per agevolare il ritorno sicuro e dignitoso e la riammissione, nonché la reintegrazione sostenibile;

  22. Stabilire meccanismi per la portabilità dei diritti di sicurezza sociale e dei benefici ottenuti;

  23. Rafforzare la cooperazione internazionale e la partnership globale per una migrazione sicura, ordinata e regolare.

Dai 23 punti si evince che i principi centrali del Global Compact for Migration sono: lotta alla xenofobia, lotta allo sfruttamento, contrasto del traffico di esseri umani, potenziamento dei sistemi di integrazione, assistenza umanitaria, programmi di sviluppo e procedure di frontiera nel rispetto del diritto internazionale, a iniziare dalla

Fonte: Global Compact dell’Onu

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi