Gli scienziati scoprono carne di dinosauro nascosta nelle ossa fossili

La controversa scoperta di tessuti molli dalle ossa di un Tyrannosaurus rex vecchio di 68 milioni di anni ha finalmente una spiegazione fisica. Secondo una nuova ricerca, il ferro nel corpo del dinosauro ha conservato il tessuto prima che potesse decadere. Questa scoperta potrebbe consentire agli scienziati di trovare tessuti molli …

Gli scienziati scoprono carne di dinosauro nascosta nelle ossa fossili

teschio di tirannosaurus rexLa controversa scoperta di tessuti molli dalle ossa di un Tyrannosaurus rex vecchio di 68 milioni di anni ha finalmente una spiegazione fisica. Secondo una nuova ricerca, il ferro nel corpo del dinosauro ha conservato il tessuto prima che potesse decadere. Questa scoperta potrebbe consentire agli scienziati di trovare tessuti molli nelle ossa dei dinosauri.

La ricerca, guidata da Mary Schweitzer, un paleontologo molecolare presso la North Carolina State University, spiega come le proteine ​​- e forse anche del DNA – possono sopravvivere millenni. Schweitzer ed i suoi colleghi aveva sollevato la questione già nel 2005, quando fu ritrovato qualcosa di apparentemente impossibile: il tessuto molle preservato all’interno della gamba di un giovane esemplare di T. rex portato alla luce in Montana.

“Quello che abbiamo trovato era insolito, perché era ancora morbido ed ancora trasparente e ancora flessibile”, ha detto Schweitzer a LiveScience. Tessuti organici di T-Rex?

Il ritrovamento è stato controverso, perché gli scienziati credevano che le proteine ​​che compongono i tessuti molli dovrebbero degradare in meno di 1 milione di anni nelle migliori condizioni. Nella maggior parte dei casi, i microbi banchettano sui tessuti molli di un animale morto, distruggendo i tessuti in poche settimane. Gli scettici sostenevano quindi che il tessuto doveva essere qualcos’altro, forse il prodotto di una invasione batterica.

Queste foto non datate fornite dalla rivista Science mostrano frammenti demineralizzati di tessuti che rivestono la cavità midollare di un femore Tyrannosaurus Rex. Una fotografia mostra il frammento demineralizzato flessibile e resiliente e quando allungato (indicato nelle freccie) ritorna alla sua forma originale. La fotografia B mostra l’osso demineralizzato in (A) dopo l’essiccazione all’aria. La fotografia C mostra regioni ossea demineralizzata mostrando carattere fibroso (frecce):
tessuti molli di giovane tirannosaurus rex

Poi, nel 2007, Schweitzer ed i suoi colleghi hanno analizzato chimicamente le proteine dei tessuti in questione. Hanno trovato le proteine ​​nei tessuti molli del dinosauro. Il tessuto era collagene, hanno riferito sulla rivista Science, e questo sottolinea somiglianze con il collagene presente negli odierni uccelli, sostenendo quindi come gli uccelli moderni si siano evoluti dai dinosauri teropodi come il T. rex.

I ricercatori hanno anche analizzato altri fossili con la presenza di tessuti molli e hanno scoperto che era presente in circa la metà dei loro campioni risalenti al periodo Giurassico, che durò da 145.5 a 199.6 milioni di anni fa.

“Il problema è che, per 300 anni, abbiamo pensato, ‘Beh, gli organici sono andati tutti, quindi perché dovremmo cercare qualcosa che li dentro non c’è?’ e quindi nessuno ci ha guardato”.

La domanda ovvia, però, è come un tessuto molle e flessibile potrebbe sopravvivere per milioni di anni. In un nuovo studio pubblicato oggi il 26 novembre 2013 sulla rivista Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences, Schweitzer pensa di avere la risposta: il Ferro.

Il ferro è un elemento presente in abbondanza nel corpo, in particolare nel sangue, dove è parte della proteina che trasporta l’ossigeno dai polmoni ai tessuti. Il ferro è anche altamente reattivo con altre molecole, in modo che il corpo lo tiene rinchiuso stretto, legato a molecole che impediscono di scatenare il caos sui tessuti.

Dopo la morte, però, il ferro viene lasciato libero dalla sua gabbia. Esso forma nanoparticelle di ferro minuscoli e genera radicali liberi, che sono molecole altamente reattive che si ritiene siano coinvolte nell’invecchiamento.

“I radicali liberi causano legamenti tra le proteine ​​e le membrane cellulari”, ha detto Schweitzer. “In sostanza si comportano come la formaldeide.”

La formaldeide, naturalmente, conserva il tessuto. Funziona collegando gli amminoacidi che compongono le proteine, il che rende tali proteine ​​più resistenti alla carie.

Schweitzer e i suoi colleghi hanno scoperto che i tessuti molli di dinosauro sono strettamente associati con nanoparticelle di ferro sia nel T. rex che in un altro campione del tessuto molle di un Brachylophosaurus canadensis, un tipo di dinosauro dal becco d’anatra.
proteine ritrovate nei resti fossili di un Brachylophosaurus canadensis

Hanno poi testato l’idea del ferro come conservante utilizzando ne moderni vasi sanguigni dello struzzo. Gli scienziati hanno quindi imbevuto un gruppo di vasi sanguigni nel liquido ricco di ferro fatto di globuli rossi e un altro gruppo in acqua. I vasi sanguigni lasciati nell’acqua si sono trasformati in un pasticcio disgustoso in pochi giorni. I vasi sanguigni imbevuti di globuli rossi rimangono riconoscibili dopo la seduta a temperatura ambiente per due anni.

Il sangue dei dinosauri, ricco di ferro, combinato con un buon ambiente per la fossilizzazione, può spiegare l’incredibile esistenza di tessuto molle del Cretaceo (un periodo che durava da circa 65.5 a 145.5 milioni di anni fa), e anche prima. I campioni che Schweitzer ha analizzato, comprensivi di pelle, presentano tracce di ottima conservazione. Le ossa di questi vari esemplari sono articolate, non disperse, suggerendo che sono state sepolte in fretta. Sono anche sepolte in pietra arenaria, che è porosa e può favorire il via libera di batteri ed enzimi reattivi che altrimenti degradaderebbero l’osso.

Schweitzer si è specializzata per la ricerca di tessuti molli in più dinosauri. “Mi piacerebbe trovare qualcosa di più articolato conservato nel terreno, o qualcosa di simile”, ha detto. Per preservare la chimica del potenziale dei tessuti molli, i campioni non devono essere trattati con conservanti o colla, come la maggior parte delle ossa fossili sono, ha detto. E hanno bisogno di essere testati in fretta, perché i tessuti molli potrebbero degradarsi una volta esposto all’aria moderna e umidità.

Scoperta non meno importante, è quella Schweitzer ed i suoi colleghi hanno capito come rimuovere il ferro dai loro campioni, che permette loro di analizzare le proteine ​​originali. Hanno anche trovato reazioni chimiche coerentemente con la presenza di DNA, sebbene Schweitzer abbia rapidamente notato che non è dimostrato che il DNA sia realmente presente. Le tecniche della rimozione di ferro dovrebbero consentire paleontologi per effettuare ricerche in modo più efficace per i tessuti molli, e per testare quando lo trovano.

“Una volta che siamo in grado di ottenere la chimica dietro alcuni di questi tessuti molli, ci sono tutti i tipi di domande che possiamo porci sugli organismi antichi”, ha detto Schweitzer.

Fonte:
http://www.huffingtonpost.com/2013/11/27/t-rex-soft-tissue-discovery_n_4349214.html

Per questo post si ringrazia:

Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Gli scienziati scoprono carne di dinosauro nascosta nelle ossa fossili

Gli scienziati scoprono carne di dinosauro nascosta nelle ossa fossili

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi