Gli scienziati nazisti volevano usare zanzare per inviare malattie ai paesi nemici

Nel 1941, Heinrich Himmler ordinò la creazione di una stazione di ricerca. Il laboratorio si trovava fuori dal campo di concentramento di Dachau ed era sotto il comando dell’ala militare delle SS naziste, la Waffen-Schutzstaffel. Apparentemente, il laboratorio si è concentrato sullo studio di malattie con l’obiettivo di …

Gli scienziati nazisti volevano usare zanzare per inviare malattie ai paesi nemici

zanzaraNel 1941, Heinrich Himmler ordinò la creazione di una stazione di ricerca. Il laboratorio si trovava fuori dal campo di concentramento di Dachau ed era sotto il comando dell’ala militare delle SS naziste, la Waffen-Schutzstaffel. Apparentemente, il laboratorio si è concentrato sullo studio di malattie con l’obiettivo di proteggere le truppe tedesche, ma nuovi documenti segnalati dall’Università di Tubinga, l’ecologista Klaus Reinhardt , tuttavia, dimostra che la Germania nazista stava sicuramente lavorando anche su un programma di guerra biologica offensiva.

In base al protocollo di Ginevra del 1925, Adolf Hitler aveva considerato la possibilità di usare armi chimiche o biologiche durante la Seconda Guerra Mondiale. Ma questo non ha impedito al partito nazista dal tentativo di militarizzare le malattie come la malaria da usare contro le truppe alleate.

Sebbene la maggior parte delle ricerche condotte presso il laboratorio di Dachau è concentrata sulle malattie di ricerca-studio difensive e gli insetti che portano il Reinahrdt hanno anche trovato prove di ricerca in un programma per distribuire zanzare malate con lo scopo di diffondere la malattia. Secondo Reinhardt, “Hitler ordinò ripetutamente e rigorosamente che le armi biologiche non dovevano essere utilizzate anche per scopi difensivi … Tuttavia, il suo ordine degli sforzi ‘estremi’ in difesa da armi biologiche lasciarono la porta aperta per le autorità che hanno tentato di eludere il divieto di armi biologiche di Hitler. “

Ecco un esempio di come il laboratorio entomologico Dachau ha usato questa scappatoia:

In una relazione al 23 settembre 1944 e il marcato ‘segreto’, [capo laboratorio Eduard] Può menzionare le ricerche di Anophelesin corso ‘al fine di chiarire la questione se un’infezione di massa artificiale del parassita della malaria agli esseri umani è possibile e come si è grado di contrastare un’azione che mira a tale infezione di massa. Si prevede di estendere le indagini anche ad altre questioni che rientrano nella zona di guerra biologica e che riguardano gli insetti che infliggono danni agli esseri umani ». A differenza di altri autori, trovo che questi commenti possano essere interpretati come difensiva, piuttosto che guerra offensiva. Tuttavia, i protocolli delle prove sperimentali reali garantiscono una maggiore comprensione.

Leggendo i dettagli della ricerca sulle zanzare, dice Reinhardt, “Questa formulazione, in particolare nell’originale tedesca, suggerisce fortemente che conoscevano il lavoro programmato del rilascio di zanzare, sapevano sulla natura offensiva di questa ricerca e hanno fatto una raccomandazione basata in queste prove.”

La ricerca di Reinhardt ha anche suggerito un altro programma di ricerca, un annuncio di un progetto dal nome in codice “Siebenschläfer”, o “Ghiro”, che potrebbero essere stati destinati a utilizzare le pulci per diffondere la peste. Naturalmente, gran parte della ricerca sarebbe anche hanno effettuato obiettivi difensivi, dice Reinhardt: “forse il suo scopo era quello di prevenire le epidemie di peste nei campi di concentramento che potevano mettere in pericolo le guardie delle SS e al contempo comportando un aumento della mortalità dei prigionieri, minacciando la disponibilità di lavoro degli schiavi che cominciavano a scarseggiare.”

La ricerca è solo un altro segno che, anche dopo tanti anni, la campagna nazista è ancora pienamente venire alla luce.

Fonte: www.smithsonianmag.com

Per questa notizia si ringrazia:

Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Gli scienziati nazisti volevano usare zanzare per inviare malattie ai paesi nemici

Gli scienziati nazisti volevano usare zanzare per inviare malattie ai paesi nemici

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi