La favola di Sabine Lisicki

L’edizione 2013 di Wimbledon si conferma ricca di sorprese. Dopo le sconfitte eccellenti di Federer e Nadal, è toccato a Serena Williams, detentrice del titolo femminile, arrendersi alla tedesca Sabine Lisicki agli ottavi di finale. La tennista di origini polacche (da qui il cognome) l’aveva detto già prima della partita: Wimbledon …

La favola di Sabine Lisicki

La favola di Sabine Lisicki
L’edizione 2013 di Wimbledon si conferma ricca di sorprese. Dopo le sconfitte eccellenti di Federer e Nadal, è toccato a Serena Williams, detentrice del titolo femminile, arrendersi alla tedesca Sabine Lisicki agli ottavi di finale. La tennista di origini polacche (da qui il cognome) l’aveva detto già prima della partita: Wimbledon è il mio torneo preferito e Serena è un essere umano come gli altri. A dire il vero vedendo i risultati della tennista americana nell’ultimo anno, la Williams sembrava una marziana (chiedete a Maria Sharapova).

Eppure la tennista tedesca grazie ad un ottimo servizio e a potenti colpi da fondo campo ha messo in grande difficoltà la numero 1 del mondo. Ha vinto in tre quarti d’ora il primo set per 6-2, ma ha perso nettamente il secondo per 6-1 in poco più di mezz’ora. Si è poi infine aggiudicata un cambattutto terzo set nel quale era addirittura sotto per 3-1. La tedesca non si è mai scoraggiata, non ha smesso di sorridere neanche quando Serena Williams ha fatto due fortunosi punti consecutivi aiutata dalla rete. Alla fine ha vinto meritatamente 6-4, dopo aver fallito un primo match point. Ora Sabine Lisicki sfiderà ai quarti la Kanepi che ha vinto in due combattutti sets (7-6 / 7-5) l’inglese Laura Robson.

Per questo post ringraziamo:

Potsdamer Platz

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

La favola di Sabine Lisicki

La favola di Sabine Lisicki

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi