Come scegliere un buon conto corrente

In un mercato sempre più variegato e con innumerevoli proposte, spesso differenti fra loro, la scelta del conto corrente è diventata parecchio complessa, visto che ogni istituto di credito offre caratteristiche, peculiarità e condizioni diverse. In che modo è possibile orientarsi quindi in questo mercato, scegliendo un buon conto corrente?

In primo luogo, ciò che tutti guardano ad oggi è la spesa che comporta la gestione del conto. Se si ha particolare dimestichezza con gli strumenti del web, è possibile optare per i così detti “conti a zero spese”, che essendo gestibili direttamente online, e senza operazioni di sportello, non richiedono alcun canone mensile del caso, o imposte per operazioni, come i bonifici ed i prelievi.

Premesso quindi che soltanto coi conti online è possibile risparmiare (alcuni istituti offrono l’azzeramento del canone con l’accredito dello stipendio o altre modalità), bisogna verificare se sono presenti dei costi per la gestione del bancomat e delle varie operazioni. Anche in questo caso spesso e volentieri, le migliori soluzioni non prevedono alcuna spesa.

Da notare e da verificare è l’eventuale azzeramento dell’imposta di bollo ed ulteriori fattori, che consentono veramente a costo zero di aprire un conto, con tutti gli strumenti tradizionali a disposizione, e con il supporto del web, decisamente più pratico ed economico rispetto alle normali filiali.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi