Ecco l’eco-stampante 3D gigante che stampa i mobili in plastica di mais, addio Ikea?

Cresciuto sotto il regime comunista nella Germania dell’Est, Lukas Oehmigen non ha avuto molto in termini di beni terreni, ma ha fatto sviluppare un intenso interesse per fai da te. Quando la scuola d’arte rivolse la sua attenzione al mondo della stampa 3-D e l’uomo ha sviluppato…

Ecco l’eco-stampante 3D gigante che stampa i mobili in plastica di mais, addio Ikea?

Big Rep
Cresciuto sotto il regime comunista nella Germania dell’Est, Lukas Oehmigen non ha avuto molto in termini di beni terreni, ma ha fatto sviluppare un intenso interesse per fai da te. Quando la scuola d’arte rivolse la sua attenzione al mondo della stampa 3-D e l’uomo ha sviluppato un produttore gigante in grado di stampare gli oggetti più grandi di una poltrona reclinabile.

Il suo telaio in alluminio è poco più di cinque metri in tutte le dimensioni e l’area di costruzione è un robusto 45x39x47 centimetri. Oehmigen ha chiamato il prototipo originale “Le Big Rep” in onore di Pulp Fiction, anche se il suo nuovo 440-pollici da, 39.000 dollari è una stampante anglicizzata per il semplice BigRep.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Tecnicamente, si confronta favorevolmente a più modeste dimensioni del filamento di fabbricazione fuso (FFF), stampanti, come la MakerBot. Questa stampante 3-D prodigiosa presenta uno spessore di 100 micron di strato, la possibilità di stampare PLA, ABS, e altre materie plastiche sperimentali, e una testina di stampa a doppio estrusore che permette al sistema di stampa a più colori o creare geometrie più avanzate usando un rimovibile materiale di supporto.

Ci vogliono circa due bobine di materiale, del valore di circa 150 dollari di plastica, e cinque giorni di tempo di stampa per creare una tabella. L’Ikea non dovrà ancora affrontare la concorrenza sul fronte dei costi, ma ben presto potrebbe essere possibile stampare un elegante set di soggiorno economico senza dover affrontare la folla al supermercato di mobili svedese.

Per coloro che sono preoccupati nel doversi sedere su una sedia a 3-D stampata, non hanno paura. Oehmigen è salito regolarmente in cima alle parti che ha fabbricato per dimostrare la loro forza. «È possibile stampare utilizzabili parti strutturalmente forti, il che può piegare come siano forti e allo stesso tempo dure come un osso,” dice.

Uno degli attuali difetti contro questa stampa 3-D è la superficie a bassa risoluzione e gli scanalati evidenti tipicoi del processo, ma se ingranditi fino alle dimensioni di mobili, la forma degli stessi danno l’impressione di un difetto di fabbricazione. “Non ero molto interessato a produrre stampe perfette”, dice Oehmigen. “In effetti mi ha fatto piacere da tutti i piccoli errori e nelle stranezze della macchina abbiano incorporato nelle stampe.”

Lavorare in scala gigante crea anche opportunità di progettare design interessanti. Plastiche con proprietà conduttive, magnetiche ed estetiche consentiranno ai progettisti di sperimentare nuovi tipi di costruzioni. Utilizzando una stampante più piccola, questi materiali potrebbero aiutare di vincere una fiera della scienza, ma di grandi dimensioni potrebbe effettivamente avere applicazioni pratiche. “Penso che possano nascere molti nuovi tipi di business e le cose si evolveranno da questa tecnologia”, spiega Oehmigen. “Riceviamo richieste dai produttori di costruttori di veicoli sperimentali, designer di mobili, l’industria della difesa, e roba medica”.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Oehmigen è stato motivato anche dal desiderio di utilizzare la plastica più rispettosa dell’ambiente al fine di garantire che gli oggetti massicci creati dalla sua macchina non finiscono nelle discariche. Egli ha ottimizzato BigRep per utilizzare PLA, una plastica biodegradabile derivata dal mais, che ha il vantaggio di essere dimensionalmente stabile.

Nei sette mesi di lavoro, l’azienda si è concentrata principalmente su mobili fino ad ora, ma stanno lavorando su piani ambiziosi per affrontare progetti su veicoli ed edifici.
la mega stampante 3d bigrep al lavoro
BigRep ha svantaggi e Oehmigen suggeriscono che gli operatori debbano monitorare i progressi della loro stampa e regolare le impostazioni della macchina in tempo reale per evitare errori e per controllare meglio la finitura superficiale. “Vogliamo intraprendere una nuova professione chiamata ’3-D Manufacturer’ e vogliamo creare un sacco di posti di lavoro”, dice. “Le macchine non sono così perfette come pensiamo che siano, hanno bisogno di cure da noi umani, e questa è una buona cosa.”
tavolo stampato con la stampante 3d bigrep
Mentre Karl Marx era ossessionato con i lavoratori che controllano i mezzi di produzione, Oehmigen sta costruendo un assorbimento per assumere l’idea. “Invitiamo tutti a partecipare e a diventare il vostro fornitore”, dice. “Consentiteci di creare il mondo che vogliamo vivere insieme, evitando così le lamentele dalle persone a noi sconosciute”.

Fonte: www.wired.com

Per questo articolo si ringrazia:

Globo Channel – web, curiosità, scienza, tecnologia, record mondiali, video-tutorial dall’italia e dal mondo

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Ecco l’eco-stampante 3D gigante che stampa i mobili in plastica di mais, addio Ikea?

Ecco l’eco-stampante 3D gigante che stampa i mobili in plastica di mais, addio Ikea?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi