Coworking: la nuova frontiera degli spazi di lavoro

Spesso nella vita di tutti i giorni ci troviamo ad affrontare discussioni con amici, colleghi o conoscenti dove ci si lamenta un po' di tutto, spesso anche in maniera totalmente contrapposta. Chi non ha un compagno o una compagna si lamenta che è solo mentre chi invece ha una relazione allora elenca i difetti del partner. Oppure il classico del meteo, in estate fa troppo caldo e non vedo l'ora che arrivi l'inverno mentre nei mesi freddi si rimpiange la bella stagione. Un'altro dei paradossi più frequenti è quello che riguarda il lavoro. Naturalmente chi al momento è disoccupato si lamenta che non ha un'occupazione, mentre spesso anche i lavoratori storcono il naso rimpiangendo di non avere tempo libero. Soprattutto chi lavora in ufficio alla fine dice di sentirsi quasi in gabbia, stritolato dalla routine e dal dover passare tutto il giorno inchiodato su una sedia e davanti al pc, spesso ad ingannare il tempo aspettando di poter timbrare il cartellino. Naturalmente un disoccupato potrebbe sentirsi quasi offeso a sentire un discorso del genere, ma questo problema per chi lavora in ufficio può essere molto sentito. Da un po' di tempo invece anche da noi sono arrivati gli spazi di coworking, già molto diffusi in Europa mentre nel bel paese, come altre cose, per questo tipo di luoghi siamo abbastanza indietro.

 

Si moltiplicano gli spazi

L'idea di base è molto semplice : mettere a disposizione un luogo dove chiunque possa affittare in maniera giornaliera, settimanale, mensile ma anche annuale, una propria postazione di lavoro m anche sale riunioni ed eventi. Naturalmente il beneficio è duplice, sia psicologico che economico. Per un giovane affittare una stanza per farne un piccolo ufficio può essere dispendioso. Tra spese come affitto, bollette e arredamento oltre che burocrazie come il registro carico scarico rifiuti e altre scartoffie si arriva a spese importanti e tante altre cose a cui pensare. Quindi affittare una postazione, solitamente i costi si aggirano sui 150/200 Euro al mese, in più all'occorrenza prenotare uno spazio per riunioni o colloqui è oggettivamente molto vantaggioso. In più c'è maggior libertà di non sentirsi come incatenati tra quattro mura, lavorando in uno spazio dove sono presenti molte altre figure professionali che possono quindi essere utili per pareri o consulenze istantanee. Avere vicino a te un architetto, un programmatore o un avvocato a cui chiedere è sicuramente un bel vantaggio, oltre al fatto di poter conoscere così tante persone nuove, in una unione di competenze che spesso poi possono far nascere progetti interessanti.

Share this post:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Related Posts

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi