Champions League: Arrivano i tedeschi

 

Il prossimo 25 maggio, Londra sarà invasa dai tedeschi. “Die Deutschen kommen” (arrivano i tedeschi), così iniziava un servizio della prima radio statale tedesca il giorno dopo il trionfo bavarese in Catalogna. Il senso di impotenza trasmesso dal grande Barcellona (a cui mancavano però MessiPuyol e Mascherano) di fronte al Bayern Monaco è stato impressionante. È sembrato il più classico dei passaggi di consegne.

Evidenziamo questa notizia recente da:

Potsdamer Platz:

Champions League: Arrivano i tedeschi

 

Champions League: Arrivano i tedeschi

 

Il prossimo 25 maggio, Londra sarà invasa dai tedeschi. “Die Deutschen kommen” (arrivano i tedeschi), così iniziava un servizio della prima radio statale tedesca il giorno dopo il trionfo bavarese in Catalogna. Il senso di impotenza trasmesso dal grande Barcellona (a cui mancavano però Messi, Puyol e Mascherano) di fronte al Bayern Monaco è stato impressionante. È sembrato il più classico dei passaggi di consegne. Da oggi in poi, il Bayern e il calcio tedesco domineranno in Europa. I più critici, in realtà, dicono che nei successi tedeschi di oggi c’è molta casualità. Senza un goal in fuorigioco contro il Malaga, il Borussia Dortmund sarebbe uscito ai quarti contro una media squadra spagnola. Se agli ottavi la partita di ritorno Bayern-Arsenal durava dieci minuti di più, magari ai quarti finivano gli inglesi. E così via.
Ma a parte gli episodi che condizionano sempre e comunque la storia del calcio (non dimentichiamoci lasemifinale vinta in modo scandaloso dal Barcellona contro il Chelsea nel 2009, il segreto del calcio tedesco è tutto nell’organizzazione. In questo senso sipuò parlare, a ragione) di Modello Bundesliga. Ne ho già parlato qualche settimana fa e ci torneremo prossimamente. Ma oggi è opportuno sottolineare un altro aspetto. Come è risultato evidente dalle semifinali di Champions League, le squadre tedesche arrivano atleticamente più toniche a fine stagione. Il campionato tedesco è a diciotto squadre, contro le venti di Italia, Spagna e Inghilterra e poi hanno una lunga pausa invernale. Giocano meno e quindi risparmiano energie utili per il finale di stagione. Non è un caso che le squadre tedesche riescano a mantenere ritmi più elevati rispetto ai rivali stranieri come era chiaro già lo scorso anno contro il Real Madrid in semifinale e durante la stessa finale contro il Chelsea, vinta dagli inglesi quasi per caso. Quest’anno, però, sarà tutta un’altra storia… tutta tedesca. twitter@uvillanilubelli

 

Per questo articolo ringraziamo:

Potsdamer Platz

e vi invitiamo a continuare la lettura su:

Champions League: Arrivano i tedeschi

 

Champions League: Arrivano i tedeschi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi