Traslochi a Napoli, come fare per i permessi?

Napoli, come del resto tutte le grandi città, può rivelarsi molto problematica quando si tratta di organizzare un trasloco. Non solo per quanto riguarda le difficoltà di carattere organizzativa che possono presentarsi ad esempio nel centro storico, ma anche per quanto riguarda i permessi che si rendono necessari per poter operare i trasferimenti senza incappare in disguidi tali da poter ritardare non poco lo stesso.

Proprio per questo motivo, prima di iniziare a pensare a mobili e oggetti, sarebbe il caso di provvedere alla parte burocratica legata ai traslochi effettuati nell’area di Napoli, ovvero ai permessi necessari per portare a termine le operazioni senza infrangere magari leggi o consuetudini.

Occupazione di suolo pubblico e permessi condominiali

Quando si parla di permessi per i traslochi a Napoli, occorre distinguere tra quelli che devono essere oggetto di richiesta ad enti pubblici e quelli che invece riguardano più la sfera privata. Nella prima categoria rientra in particolare l’occupazione di suolo pubblico, assolutamente indispensabile al fine di poter caricare e scaricare la merce da trasportare senza doversi ritrovare di fronte problemi.

Questo permesso è assolutamente indispensabile in quanto senza il suo rilascio possono diventare praticamente impossibili i lavori necessari per caricare o scaricare mobili e altri oggetti nel caso sia appunto interessata una zona pubblica. Occorre ricordare soprattutto come il permesso di poter occupare il suolo pubblico si rende obbligatorio per tutti i traslochi effettuati a Napoli e tali da presupporre la presenza di furgoni, montacarichi o autoscale, ovvero i mezzi che per la loro particolare natura hanno l’esigenza di occupare una porzione più o meno estesa di suolo.

Se lo stesso non è pubblico il problema non si pone, in caso contrario occorre rassegnarsi a recarsi presso gli uffici comunali preposti al fine di pagare la relativa tassa, oltre a inoltrare la relativa domanda alla polizia locale. La richiesta in questione obbliga il richiedente a specificare non solo il tempo occorrente, ma anche il numero di metri quadrati che si prevede di occupare, su cui sarà parametrata la cifra da sborsare a favore delle casse comunali.

Per l’occupazione di suolo pubblico è richiesto un arco temporale intorno alle quattro settimane per poter portare la pratica a buon fine, una tempistica che consiglia senz’altro di muoversi con largo anticipo al fine di stroncare ogni possibile problema.

Nel caso invece le operazioni riguardino non suolo pubblico, ma spazi condominiali, il quadro va a mutare notevolmente. Soprattutto se il trasporto dei mobili e degli altri oggetti dalla vecchia alla nuova abitazione obbliga gli operatori incaricati ad usufruire di scale ed ascensori, una necessità tale da poter infine arrecare una notevole dose di disturbo agli altri condomini. Il modo migliore di non destare polemiche e partire con il piede giusto nei rapporti con il vicinato consiste proprio nel richiedere un permesso verbale all’amministratore di condominio facendo leva sulla possibilità di utilizzare gli spazi comuni, a patto che il regolamento condominiale non preveda divieti in tal senso.

In tal modo gli incaricati della ditta potranno parcheggiare il mezzo di trasporto all’interno dello spazio condominiale ricavandosi l’opportunità di caricare e scaricare più facilmente la merce loro affidata.

Traslochi a Napoli: è la ditta ad incaricarsi di ottenere i permessi

Come succede nel resto della penisola, anche nel caso dei traslochi a Napoli è la ditta incaricata ad occuparsi del rilascio dei permessi, a partire dall’occupazione di suolo pubblico. Si tratta in effetti di uno dei servizi solitamente forniti da tutte le imprese abilitate, le quali proprio al fine di agevolare il tutto hanno un contatto diretto con gli uffici preposti.

Si può invece procedere in autonomia al fine di ottenere i permessi condominiali, proprio in considerazione del canale normalmente in atto tra condomini e amministratori. Nel caso non sia necessario il permesso per l’occupazione di suolo pubblico, può peraltro alleggerirsi in maniera anche notevole il costo del trasloco e proprio per questo il nostro consiglio è di farsi rilasciare un documento in grado di indicare tutte le voci di spesa, in modo da verificare che non siano previste integrazioni relative a richieste di permessi che non esistono nella realtà.

Azienda Consigliata:

Traslochi Matarazzo

Via Viola,1 – Ercolano ( NAPOLI )

Share this post:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Recent Posts

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi