Il sapersi orientare

Organizzare una partenza, realizzarla e poi portarla a conclusione, vede l'inserimento di tantissimi fattori, che variano dal dove alloggiare, dove mangiare e soprattutto come muoversi. Lo spostamento è un dato che non va per nulla sottovalutato: molte città mettono a disposizione numerosi mezzi pubblici come tram, bus, metropolitane e le avanzatissime e-bike, che consentono uno spostamento agevole, facile e in genere veloce per tutti i neofiti della città. Certamente sentirsi persi in un contesto nuovo è del tutto normale: non sapere dove si è e non avere dei punti di riferimento saldi, può costituire un grosso problema per chi si addentra nei meandri di una città in cui si è appena arrivati. Notevoli sono i turisti che manifestano problemi all'arrivo in un qualsiasi aeroporto per spostarsi in zone limitrofe al punto di arrivo, ma città significative come Roma, propongono dei servizi navetta che prevedono il trasporto termini ciampino in maniera efficiente.

L'orientamento

Esistono persone a cui facile viene capire verso che parte muoversi, anche in posti del tutto scogniti e lontani da casa, e chi invece ha difficoltà anche a muoversi all'interno della propria città. L'orientamento è una capacità utilissima, specialmente quando si è in un posto mai visitato. Essere capaci di stabilire la giusta direzione o posizione è veramente un'arte: non c'entra con la capacità di saper utilizzare bussole o cartine, quanto la capacità di stabilire in maniera del tutto autonoma la posizione in cui ci si trova e, conseguentemente, di prendere la direzione esatta. Questa capacità ha un grande legame con l'istinto ed è, per di più, uno strumento che aiuta a potenziare una buona fiducia in se stessi e nelle proprie intuizioni. L'orientamento però non è un fatto di sesto senso, serve anche una buona conoscenza dei punti cardinali e della posizione del sole, il quale può essere di notevole aiuto: sorge sempre ad est e tramonta ad ovest.

In solitudine o in compagnia?

L'indole di ogni individuo è del tutto personale e, durante un viaggio o uno spostamento, c'è chi predilige muoversi autonomamente e chi invece predilige il supporto morale di qualcuno. I primi sono di fatto le personalità più avventurose, quelle che amano perdersi perché, nel perdere il proprio orientamento, riescono a potenziare la propria capacità di orientamento. I secondi sono quelli più sfiduciosi nelle proprie capacità e coloro che preferiscono che ci sia sempre qualcuno a confermare le proprie supposizioni. Di fatto nel mondo esistono queste due personalità, ma entrambe, prima di avventurarsi, avranno bisogno di uscire dall'aeroporto con un servizio navetta.

Share this post:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Recent Posts

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi