Al via Closer 2018, la fotografia sociale a Bologna

Al via Closer 2018, la fotografia sociale a Bologna

A partire da domani, venerdì 2 febbraio, a Bologna inaugurerà la seconda edizione di “Closer. Dentro il Reportage”, evento dedicato alla fotografia ospitato nello spazio espositivo di QR Photogallery in via Sant’Isaia 90. L’iniziativa è promossa dalle associazioni Witness Journal  e Terzo Tropico in collaborazione con Arci Bologna e con il sostegno del Comune di Bologna.

Inaugurazione alle ore 18 con la presentazione dei lavori vincitori del bando Closer 2018, selezionati attraverso una call internazionale. In mostra le foto di Sulejman Bijedić, Monica Bonacina, Vincenzo Montefinese, Maurizio di Pietro e Mattia Barbata. Cinque reportage molto diversi capaci di raccontare per immagini fenomeni di costume, pratiche di comunità e crisi umanitarie. Dalle scene di quotidianità nelle zone rurali della Bosnia in via di guarigione dalle ventennali ferite della guerra ritratte da Sulejman Bijedić alle atmosfere spirituali di Monica Bonacina in “Anitya”, un viaggio lungo villaggi, monasteri e tradizioni millenarie dello Zanskar, tra la Cina e il Pakistan. Dalle condizioni di vita estreme dei profughi fermi  in Serbia, in attesa di proseguire il viaggio verso l’Europa (Vincenzo Montefinese, “Stuck in Serbia”) alle strategie di sopravvivenza in una delle regioni più povere del Kenya raccontate da Maurizio di Pietro in “Turkanas resilience”.

Le opere resteranno in mostra fino al 9 marzo.

Non mancheranno anche momenti di confronto e formazione, a partire da una sessione di lettura portfolio in programma domenica 4 febbraio dalle ore 15 alle 18 sempre alla QR Photogallery. Sabato 3 febbraio (ore 18.30) sarà la volta dell’incontro con Fausto Podavini, fotografo di reportage, vincitore della sezione Daily Life del World Press Photo 2013 con un lavoro sull’Alzheimer, “MirelLa”.

Fuori dagli spazi della galleria, due eventi collaterali ospitati al Circolo Arci Caserme Rosse e a Labàs.
Al Circolo Arci Caserme Rosse (via di Corticella 147) è allestita la mostra “Bologna collettiva”, un lavoro di 26 fotografi che racconta la quotidianità che anima la città.
Domenica 4 febbraio, ore 19.00, a Labàs (vicolo Bolognetti 2) inaugurazione della mostra #Liberi Tutti, nata da un’iniziativa della redazione di WJ per esprimere solidarietà ai quattro ragazzi italiani ancora reclusi in Germania dopo il G20 di Amburgo. Oltre alla mostra si terrà l’incontro “Libertà di espressione e diritto all’informazione: un anno di lotte tra Bologna e Amburgo”.

Anche quest’anno trovano ampio spazio i Workshop organizzati da Witness Journal, quattro diversi percorsi di conoscenza e di approfondimento sulla fotografia: “Fotogiornalismo e nuovi media”, “Dentro la redazione di WJ”, “Come realizzare un video professionale”, “Dalla singola foto al progetto fotografico”. I workshop sono a pagamento. Per informazioni e prenotazioni: formazione@witnessjournal.com.

Per informazioni:
www.witnessjournal.com

Fonte: Al via Closer 2018, la fotografia sociale a Bologna

Share this post:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Recent Posts

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi